Moiano: i Carabinieri sequestrano un vero e proprio arsenale detenuto da un insospettabile contadino

A Moiano, nell’ambito dei controlli del territorio tesi a contrastare i reati in materia predatoria e per il controllo in materia di armi, questa mattina i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montesarchio hanno tratto in arresto F.G. bracciante agricolo 57enne del luogo. Nel corso perquisizione locale effettuata dai militari nell’abitazione e nelle relative pertinenze dell’agricoltore-allevatore, nella stalla attigua al suo domicilio, dove lo stesso alleva bestiame, sono state rinvenute e sequestrate le seguenti armi:fucile carabina marca Anschutzcal 22 lr; 
– pistola cal. 22 marca Star con un caricatore inserito con 10 colpi, di cui uno in canna cal. 22; 
– pistola a salve marca Bruni Polis 8 mm completa di caricatore priva di tappo rosso;
– pistola monocolpo produzione artigianale cal. 22 Flobert perfettamente funzionante, priva di matricola e marca;
– coltello da caccia marca The last fighter, con lama di cm 16;
– coltello da caccia marca The last fighter, con lama di cm 21;
– 2 coltelli da caccia con lama di  cm 18 e cm 11 marca Robinson;
– un coltello da sub inox con lama cm 15;
– n. 908 cartucce di vario tipo, marca e calibro;
– n. 21 razzi da segnalazione per pistola lancia razzi;
– n. 6 cariche da lancio per razzi da segnalazione;
– un contenitore in alluminio vuoto con tappo con all’interno gr. 222,00 di polvere da sparo tipo gm3.
Durante la perquisizione è stato fatto intervenire un tecnico di supporto per la catalogazione e la messa in sicurezza delle citate armi e del suddetto materiale esplodente. 
Sono in corso le attività investigative per stabilire a cosa potessero servire le armi rinvenute e/o se fossero state usate per qualche episodio criminoso.
Il bracciante, pertanto, dopo le consuete formalità, è stato arrestato con l’accusa di detenzione abusiva di armi clandestine e munizioni e ricettazione  e, su disposizione del Sostituto Procuratore di Turno, è stato ristretto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.  

 [DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *