Nota della senatrice Sandra Lonardo: infangata la memoria di Andreotti

“Trovo semplicemente di cattivo gusto, che un autorevole docente universitario, per pubblicizzare un suo scritto sulla prima Repubblica, tiri fuori i report statunitensi del 1992 che gettano fango su un uomo che è stato processato e giudicato innocente dalla giustizia”. Così in una nota la senatrice Sandra Lonardo (Misto – Noi Centro), riguardo il libro del professor Andrea Spiri, ordinario di Storia dei partiti politici presso la Luiss, autore di “The end, 1992-1994. La fine della prima Repubblica negli archivi segreti americani”, che avrebbe recuperato, tra le carte segrete del Dipartimento di Stato americano, alcune considerazioni sul presunto rapporto tra Giulio Andreotti e personaggi in odore di mafia. “Andreotti tra l’altro non c’è più – spiega la Lonardo – e non può nemmeno difendersi da queste accuse, che vengono riesumate a distanza di 30 anni. Mi chiedo per quanto tempo ancora debba essere infangata la memoria di un uomo che è stato per sette volte Presidente del Consiglio, ha condotto un incisivo impegno antimafia durante i numerosi incarichi da lui ricoperti e ha rappresentato un pezzo di storia della politica del nostro Paese: sarebbe pure ora di smetterla, consentendogli finalmente di riposare in pace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display