Una recensione di Liliana Taddeo di ”FIABE PER RITROVARSI”, un viaggio introspettivo di Maria Iannaccone

“Fiabe per Ritrovarsi” è una raccolta di tredici storie che, come indicato nel titolo e riportato in copertina, aiutano il lettore “a ritrovare speranza, desideri profondi e soprattutto sé stessi”.

 L’autrice ben descrive i luoghi e tratteggia i caratteri delle creature magiche che animano le varie storie, aiuta a riconoscere emozioni e conflitti tipici dell’essere umano ma lascia anche ampio spazio all’immaginazione del lettore che può sbizzarrirsi nelle interpretazioni delle fiabe e nel completamento dei chiaroscuri.
I messaggi, vari e molteplici, sono presentati con un linguaggio semplice, scorrevole, chiaro. Per esplicitare meglio il discorso sul libro, è opportuno esaminare una fiaba tra tutte come potrebbe essere, per esempio, quella intitolata “I pennelli fatati”.

  E’ il racconto di Marco, un giovane e talentuoso pittore, che non essendo apprezzato per la sua arte, deluso e disgustato decide di cambiare mestiere e di lasciare la terra di origine. Si ritrova così, in una foresta governata da un Genio invisibile che impone la sua volontà su tutto e tutti. Vittima ignara del potere di quell’entità è, suo malgrado, confinato in quel luogo. Aiutato dal suggerimento di una lince, dipinge l’habitat in cui vive ed entrando nel mondo rappresentato nel quadro insieme a molti animali, per uno strano prodigio, evade con loro e si libera dalla tirannia del Genio. Arrivato a casa, riprende la passione della sua vita: la pittura. E finalmente, raggiunge il suo obiettivo e si “sente ricco non per il denaro guadagnato o per la notorietà ottenuta ma perché può finalmente donare agli altri qualcosa di sé attraverso la sua creatività.”

 Quanta attualità in questa fiaba! A mio avviso, tutto il suo valore si condensa in tre elementi: i giovani, la natura, il potere. Quanti giovani come Marco sono convinti che il talento, l’attitudine, la costanza non siano premiati in una società come la nostra dove spesso prevalgono antagonismo, rivalità, competizioni scorrette, conoscenze influenti e quant’altro?
  In una realtà che oltretutto a parole chiede la diversificazione e vanta la libertà ma poi omologa cultura, costumi, condotte…
 E tanti, come l’artista della fiaba, rinunciano alla propria passione cambiando mestiere o lasciando la propria terra per andare all’estero, determinando, così, quella fuga di menti e risorse di cui tutti avrebbero grande bisogno. La cura quotidiana della natura da parte di Marco, il legame con essa, il rispetto mostrato, sono uno stimolo a riflettere sia sul rapporto che sarebbe opportuno avere con il proprio ambiente di appartenenza, sia sul ritorno al contatto diretto con il creato per ritemprarsi e ritrovarsi.

 E non meno importante è il messaggio sul potere, rappresentato nella fiaba dal Genio, che regna incontrastato grazie alla paura degli abitanti della foresta, provocata dai modi violenti da lui adottati per ottenerne l’obbedienza.
  Il lieto fine, però, dà ai lettori speranza e fiducia poiché il talento è riconosciuto, il tiranno è sconfitto e la natura è salvaguardata.
  Il libro invita in modo garbato gli adulti, in quanto guide e modelli per i giovani, a rivedere alcune idee e comportamenti.
  Consiglio la sua lettura non solo agli appassionati del mondo fiabesco ma anche a chi ha voglia di sognare, rilassarsi, riconoscersi in quei bisogni universali rappresentati così abilmente dall’autrice che è un piacere leggerla.

Biografia di Liliana Taddeo: 

  Ins. di Educazione Musicale, Musicista, Direttore corali, Soprano, Fondatrice e   Direttore Artistico di vari gruppi musicali.

  Ha al suo attivo molti concerti in Italia e all’estero.

È stata inserita nel libro di autori vari (editore Aletti) con la poesia : “CAREZZA”.

Scrive poesie e testi musicali.

Ha inciso due brani : SHE ; ADAGIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display