I giallorossi anche a porte chiuse fanno incetta di gol e di punti

Il Benevento regola, pan senza la focaccia, la pratica Pescara con l’identico  risultato, invertito, 4 a 0, 4 a 0 per gli abruzzesi.
Inzaghi fa tourn over lasciando in panchina Kragl, Coda, Hetmail, preferendo un attacco con Moncini, Sau ed  Insigne per un 4 4 2 di tutto rispetto e con Del Pinto titolare al posto di Viola rimasto in panchina,
Una gara che avrebbe potuto avere senza alcun dubbio un risultato più eclatante a favore dei giallorossi se, soprattutto nel secondo tempo, Improta e Moncini non avessero buttato alle ortiche ghiotte occasioni da rete.
Una gara tranquilla per il Benevento con un Pescara presentatosi, solo agli inizi delle due frazioni di gioco, nei pressi dell’area giallorossa con calci di punizione, alcuni bloccati da un inoperoso Montipò, altri sparacchiati oltre la traversa.
Parte premendo sull’acceleratore il Pescara ma è poco convincente; solo dopo 17 minuti il Benevento era già in vantaggio con Insigne servito al centro dell’area avversaria da un perfetto diagonale di Sau.
Solo 4 minuti dopo la seconda rete giallorossa a parti invertite. Errore grossolano di Bettella che dava la palla involontariamente ad Insigne che dalla trequarti campo con un assist serviva Sau, che controllava in piena area il pallone e in diagonale infilava l’incolpevole Fiorillo.
Gli umbri cercavano di accorciare le distanze alzando il baricentro della squadra ma con scarsi risultati. Solo al 27′ Montipò doveva intervenire su un tiro di Bettella da posizione defilata spedendo la palla in angolo.
Al 33′ invece arrivava il terzo gol giallorosso. A segno Moncini su un perfetto assist di Improta che dalla sinistra, quasi sul fondo, entrava in area, serviva l’attaccante giallorosso che staccava di testa e metteva la palla in rete alle spalle di Fiorillo.
Al 37′ ci prova Improta a mettere a segno la sua rete ma il portiere parava in tuffo.
La squadra giallorossa controllava senza difficoltà questa fase di chiusura del primo tempo.
Nei primi dieci minuti della ripresa solo folate degli abruzzesi che comunque non erano mai impegnative per Montipò.
Poi al 54′ è Sau ad iniziare a mangiarsi ghiotte occasioni. Moncini imbuca l’attaccante sardo che si presenta praticamenre solo davanti a Fiorillo ma spedisce la palla di poco sul fondo.
Da segnalare che al 59′, primo cambio per il Pescara, esce Bruno ed entra Melegoni, ma la musica non cambia.
Da segnalare al 61′ ed al 62′ due occasioni prima per Sau e poi Insigne per arrotondare il punteggio, la prima bloccata da Fiorillo, la seconda da Crecco.
Inzaghi cambia poi Sau per Hetemaj e solo al 71′ arriva la quarta rete giallorossa ad opera di Improta. Duetto tutto napoletano con Insigne che restituiva la palla al compagno che dopo un piccolo controllo infilava Fiorillo.
Poi Kragl entra al posto di Insigne; un’occasione chiusa in calcio d’angolo capitata a Moncini presentatosi solo davanti a Fiorillo con la difesa che in pratica non lo lasciava calciare spedendo in angolo.
Negli ultimi dieci minuti, più uno di recupero, nessuna azione degna di rilievo, con il Pesscara che cercava di limitare i danni e la sostituzione di Del Pinto con Basit.
Una vittoria giallorossa che fa fare alla squadra un altro grande passo avanti verso la meta. Un più 20 dalla seconda, il Crotone, e più 22 dalla terza. il Frosinone.
Inanella la sesta vittoria consecutiva. Tutto sommato un campionato da record e che nel finale non meriterebbe gli spalti vuoti.
Certo una vittoria; ma senza pubblico la gara perde il 50% dello spettacolo. Nel silenzio tombale si udivano solo le voci degli allenatori e i dialoghi tra gli stessi giocatori.
Ancora una volta grande la tifoseria giallorossa che si era assiepata comunque alle spalle della curva su di una collinetta, facendo così notare la sua presenza.
Un plauso alle tifoserie che hanno rinunciato al rimborso della decurtazione degli abbonamenti per le partite che saranno svolte a porte chiuse. Lo spettacolo offerto dal Benevento merita questo ed altro hanno sottolineato nell’annunciare la loro rinuncia.
Sabaro 14 sempre alle 21 il Benevento sarà impegnato  a Cremona reduce dalla bella prestazione contro il Frosinone in trasferta. (g.b.)

I RISULTATI DELLA XXVIII GIORNATA (IX di ritorno)
Cittadella – Pordenone 0-2
Empoli – Trapani 1-1
Frosinone – Cremonese 0-2
Perugia – Salernitana 1-0
Venezia – Crotone 1-3
Pisa – Livorno 1-0
Juve Stabia – Spezia 3-1
Entella – Ascoli 3-0
Benevento – Pescara 4-0
Chievo – Cosenza 2-0

LA CLASSIFICA
Benevento, punti 69; Crotone, 49; Frosinone, 47; Pordenone, 45; Spezia, 44; Cittadella, 43; Salernitana, 42; Chievo, 31; Empoli, 40; Entella 38; Pisa, Perugia, Juve Stabia, 36; Pescara, 35; Ascoli, Venezia, 32; Cremonese, 30: Trapani, 25; Cosenza, 24; Livorno, 18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *