Voci, chitarre e mandolini


"’Nce stà na casarella mieze ‘o mare addò me sonno sempe ‘e sta cu te. ‘Nce passano cantanne ‘e marenare, e addò stà ll’aria fresca…dint sta casarella te vularria purtà…ma chiste è suonno d’oro…è fantasie!…"
Era la voce inconfondibile di Tutuccio Lepore, alias "u spirito", che con la sua chitarra e “ ‘o poco e voce” rallegrava più di un convivio nelle cantine del centro storico: da Cosimo "’a rezza", quello dei mugliatielli a S.Filippo; da don Fiore a via Posillipo,"’A grotta azzurra".
Mentre Antonio Baldini, alias "bacchettone", con la chitarra celata dal mantello a ruota e la sua bella figura d’uomo, faceva ingresso maestoso da "don Peppe", la trattoria in via S.Gennaro. E dopo "Mmiez’o grano", “Canzone appassionata”e “Reginella”,interpretate con tanta passone, passava alla sua "Don Achille, nun te stancà! Tu ce fa sta carità sei, sette vote u’ juorno, u calmiere e affissà!" Erano acuti stralci di feroce ironia all’indirizzo del sindaco Achille Isernia.
Ma da contraltare, direttamente dagli "spusarizi e freselle", Nicola Covino e la sua chitarra con "quattro accordi" ma precisi, e sul motivo di "Tango delle capinere": "Quanno tutto è fernuto ognuno piglia ‘a via soia, cu quacche cosa ‘e diebbete pe nà ballata sola…Alfreto vò ‘a maretta, risponne Geretielle c’azzecca ‘u picchierello…Fa mezanotte, e jammuce a cuccà…Comme me gira ‘a capa cu chellu vino acite…fa mezzanotte e jammece a cuccà”.
Erano questi esponenti della folta schiera degli orecchianti che trovavano, per dirla alla Vittorio Micco, nelle cantine l’atmosfera della vera Napoli. Era l’era della canzone popolare.
Questi artisti, a torto maltrattati, nacquero nei "Barber shop" americani, in formazioni di quattro elementi vocali con chitarre, e si esibivano nei negozi di barbiere. Gente preparata e con una secolare accoratezza d’animo, che per pochi soldi divertivano i clienti in attesa di radersi. Cominciavano a cantare, a salmodiare, ad alternarsi sul ritmo di un’antica canzone, solitamente estratta dal più autentico repertorio popolare. Le loro canzoni a più voci si alternavano alle impennate del solista. Quest’idea fu raccolta e adattata alla canzone industrializzata: nacquero così i complessi vocali e strumentali "Barber shop", che ben presto si diffusero anche da noi. Il barbiere Pasquale Gallo, alias "’a stoppa", teneva, nei pressi di piazza S. Maria, con la chitarra e il mandolino, dei veri e propri concerti del genere con Amedeo Principe, Fulippiello Gallo anch’egli “ ‘a stoppa”, Tutuccio Lepore alle chitarre; mentre Cosimo Lepore, alias "’u spiritillo" , alla fisarmonica; "zì Giuvanne ‘u barbiere e ’ncoppa ‘a Ruana", contrabbasso, che sottolineava la cavata masticandosi la lingua; Fulippiello e l’allora imberbe Andrea Principe, voci: "Maria Marì", "Carcioffola", "Michelemma", "’A tazza ‘e café", "Quanno tramonta ‘o sole", "Guapparia".
Immediata la risposta del "Barber shop" di p.zza S.Maria: Augusto ‘u sgubbetiello, dal cui mandolino sprizzavano trilli paradisiaci, in rapido alternarsi di una nota con un’altra, superiore o inferiore, di un tono o di un semitono, non senza, però, la presenza della voce e della chitarra di Vittorio Micco. Un duo perfetto, ricordo, e quante serenate…"Mandolinata ‘a Napule", "Silenzio cantatore", "Oi Marì", "Nuttata ‘e sentimento", "Sona chitarra", "’A serenata".
Era un periodo felice, almeno per la musica.
E musica anche "abbascio ‘a Fravula" con le chitarre di Giovanni Russo, alias "Pinocchio" e di Cosimo Vitello, alias "’u marmuraro"; con Mario Tavino, mandola e mandolino e il piccolo Raffaele Russo alla fisarmonica.
Le vicissitudini e i mutamenti della storia, la vitalità e la fantasia popolare hanno dato forme, non sempre uguali, alle espressioni musicali, le hanno modulate alle ispirazioni, alle aspettative della gente di ciascun tempo e, comunque, a Benevento si è suonato, cantato e ballato sempre.
Ma gli orecchianti, veri e propri musicisti, non erano tutti barbieri o amici di quest’ultimi, ma figuravano anche Ciro Izzo, alias "Giretielle ‘ o cusetore”. “Sunava ‘a canzuncella appassionata e jeva p’annumenata… e divertiva nà famiglia cù a chitarra. Giretiello, quanno ‘o bicchiorotto s’aveva fatto, tanno po’ siscava e sunanno a chitarra a capa sotto, "l’ideale" di tosti te cantava…Era turco, italiano o bergamotto?" E, continuando con don Lorenzo Celegato: "zì Geretielle tiene ‘a fresella ‘ntà chitarra…- sfuttevano e guaglione- a vì? Nun sona…statte zitto, guagliò; che vuò sapè mammeta, in gioventù, quant’era bbona e pure mò se fira ‘e chiacchierà!"
Figure sempre attuali, musicisti puri, gli orecchianti, vivacità e colore nelle loro esecuzioni.
Che fortuna averli conosciuti!
“Stasera qui fu Napoli, nisciuno è meglio ‘e me. Dimane penze ‘e diebbete, stasera so nù rè!”
(Murolo - Tagliaferri)
OGNI NOTA DEI LORO STRUMENTI, LANCIATA CON FORZA QUASI MUSCOLARE, ANDAVA DIRITTA AL CUORE. ALTRI TEMPI, ALTRA MUSICA, MA CHE FANNO DI ESSI I PROTAGONISTI DELLA MUSICA A BENEVENTO.


* Omaggio a voci,chitarre e mandolini.

Enrico Salzano

Torna all'indice