C'era una volta nei pressi del "viscuvate"
Il leggendario Pasquale Gallo, 'a stoppa


“…chitarre e manduline /stanotte ‘o core mio ve vò sentì/ chella ca me vò bene/ dint’a sti ssere comme pò durmì,/ si tutta quanta Napule/ ’nterra Pusilleco vene a cantà!...
C’era una volta, nei pressi del viscuvate, una sala da barba ritrovo di chitarristi e mandolinisti, specialisti in feste e serenate. Il locale era gestito dal popolare  Pasquale Gallo, “’a stoppa” ottimo suonatore di mandola, mandolino e chitarra, in possesso di approssimativa cognizione musicale e riproponeva un personalissimo repertorio della canzone tradizionale napoletana, regalando autentiche emozioni. E non di rado, nelle ore notturne, il trillo vellutato del mandolino di Pasquale e la caratterizzante voce del fratello Fulippiello, risvegliavano la bella dormiente con le più appassionate melodie popolari.
“Marì, /dint’ ‘o silenzio, /silenzio cantatore /nun te dico parole d’ammore,/ ma t’e’ ddice stu mare pe’ me![…].
Il barbiere – suonatore, bonario, gioioso, apprezzato per la sua correttezza, fu la colonna sonora di ogni festino, nascite, promesse di matrimonio, comunioni e secondo le circostanze stabiliva la formazione strumentale e il repertorio da adottare per la buona riuscita della serata. Così, con Armando Salzano, vocalità antica, interprete rigoroso, eseguiva una versione personalissima di “Cicerenella teneva na tiella,/ frieva ll’ova co lla mozzarella/ e lla frieva co lla sarcenella…/ chesta è la tiella de Cicerenella./ Cicerenella mia, si bona e bella.”
Dotato di straordinaria musicalità, riusciva ad improvvisare abilmente qualsiasi motivo, anche se ascoltato una sola volta. “’A stoppa”, scangiànòmme ereditato dalla madre filatrice, non accettava il dispregiativo per il suo genere da taverna, dichiarando, infatti, che i più grandi poeti hanno cantato nelle loro opere, chitarre e mandolini. “…sona chitarra,sona…T’è rimasta una corda,/ si pure essa se scorda/ tu fernisce ‘e sunà.”
La sua arte, semplice ma ricca di colore, passionale, malinconica, affascinava non solo il semplice ascoltatore, ma anche i colti, Rosiello e Baldini, maestri di musica.
“Pasquà, fa una bella comune in re minore con il mandolino”. Diceva Mario Tavino, chitarrista e compositore. E così Pasqualeinfervorato si lasciava andare in una serie di variazioni sul tema.
“Che notte! Che notte!/ Che luna! Che mare/ stasera me pare/ scetate ‘e sunnà?.../ Chiara è a luna doce è o viento,/ calmo e o mare/ oj Carulì!... Sta nuttata ‘e sentimento/ nun è fatta pe durmì.”
Una storia singolare,quella di Pasquale Gallo, nelle cui “scorribande” notturne non mancavano episodi forti. Chiamato per una serenata sotto un balcone, in via S.Filippo, si accorse di rivolgere “Scetate” proprio alla sua ex fidanzata, un tempo tanto amata. “Si duorme o si nun duorme, bella mia,/ siente pe nu mumento chesta voce! Chi te vò bene assai sta miez ‘a via/ pe te cantà ‘na canzuncella doce!... è nu ricamo ‘sta mandolinata! Scemate ,bella mia,nun cchiù durmì”. Esecuzione solenne, ampia ed elegante.
“…’Sti cuore nuoste pareno,/ ddoi lampadine elettriche,/ s’appicciano, se stutano,/ Se tornano ‘appiccià./ E’ ammore ca pè spasso/ l’elettricista fa:/ stuta a te,/ stuta a me,/ pè me fa/ cchiù cunsumà/.”
E non soltanto lampadine elettriche si accesero,quella sera di settembre del ’53,ma ceri di tutte le misure e anche fiaccole. Lampade, ceri e fiaccole, illuminavano la sacra effige di San Gennaro sotto l’omonimo arco e, Pasquale e Fulippiello, ’a stoppa invitati sotto l’omonimo arco, dalla famiglia Volpe, Mario e Vittorio, custodi e veneratori del santo, con Nicola Covino, ’a guardia, Vittorio Micco, re delle serenate, Armando Salzano, voce ntunate, seria ‘e sapurite, così Peppino Fallarino e Tutuccio Lepore, “’u spirito”, tutti con fazzoletti rossi al collo e in camicia bianca, diedero vita ad uno spettacolo estemporaneo di macchiette e brani a forti tinte. L’evento, che durò fino all’alba, quasi, venne ricordato, pubblicamente, anche dal giornalista e poeta Edgardo De Rimini e da Alfredo Salzano, clarinettista e altosassofonista, Enrico e Pino Salzano, futuri musicisti.
Tra i presenti Giovanni Russo, chitarrista, Raffaele Russo, fisarmonicista e il batterista Raffaele D’Elia. Mi è sembrato giusto raccontare, nuovamente, di Pasquale Gallo, oltre che per il suo contributo alla storia della musica a Benevento, anche per la sua contagiosa giovialità.
E’ à luna guarde e dice:/ si fosse ancora overo!/ chist’è ‘o popolo ‘e na vota!/ gente semplice e felice/ Chist’è Napule sincero/ ca… pur’isso se ne va!”

Enrico Salzano

* Omaggio a Pasquale Gallo, leggendario musicista e barbiere della famiglia Salzano

Torna all'indice