Chitarre, mandolini, caccavelle, scetavaiasse, tammorre e nacchere

"E me fai stu pizzo a riso,/ e me fai stu pizzo a riso,/ bello ‘e faccia/ brutto ‘e core/ ca te pienze ‘e repassa!/ Ma ‘o cafone r’a campagna/ se ‘mbriaca int’a vennegna/ sta resata nun arregna!/ te saccio anduvinà!/ Va vattè/ Va vattè/ Sparagnate ‘a sagliuta!/ Sparagnate ‘a sagliuta!/ Songo faccia canusciuta/ fatte ‘o cunto ‘a fore ‘e me!"
"Tammurriata palazzola" è una canzone napoletana popolare, concreta, gioiosa, scritta nel 1914 dal poeta Ferdinando Russo e musicata dal maestro Rodolfo Falvo con uno stringato ritmo di tarantella, cantata da Peppino Villani, grande divo del varietà. Il brano , che riflette la naturale spontaneità di Russo, è presente nel repertorio di Gloriana e di Mirna Doris, due autorevoli, splendide voci della Napoli di oggi ma, mi corre l’obbligo di ricordare, anche la versione fornita da Pasquale Gallo, mitica figura musicale della Benevento che fu.
C’era una volta, nei pressi del Duomo, una sala da barba, ritrovo di chitarristi e mandolinisti specialisti in feste e serenate. Il locale era gestito dal popolare Pasquale Gallo, " ‘a stoppa", ottimo suonatore di mandola, mandolino e chitarra; in possesso di una certa cognizione musicale proponeva con un personalissimo stile esecutivo i classici napoletani regalando così autentiche emozioni. Non di rado, nelle ore notturne, il trillo vellutato del mandolino di Pasquale e la caratteristica voce del fratello Fulippiello risvegliavano la bella dormiente con le più romantiche e appassionate melodie. Pasquale era mite, gioioso e il popolo lo stimava per l’estrema correttezza, invitandolo ad ogni festino, promesse di matrimonio, battesimi e comunioni e, secondo le circostanze, stabiliva la formazione strumentale e il repertorio da adottare per la buona riuscita della festa. Forte di uno straordinario orecchio musicale, riusciva ad improvvisare, abilmente, qualsiasi motivo, anche se ascoltato una volta sola. " ‘A stoppa" non accettava il dispregiativo "da taverna" per il suo genere, dichiarando che i più grandi poeti hanno cantato nelle loro opere mandolini e chitarre, come Libero Bovio ed Ernesto De Curtis, che nel 1913 hanno creato "Sona chitarra":
" Serenatella sentimentale/ c’o ppoco e luna ca vò sentì,/ scete a chi dorme, scordate ‘o male,/ torna a fa pace, c’aggio tuort’i! …/ Sona chitarra, sona/ t’è rimasta una corda:/ si pur’essa se scorda/ fernisce ‘e sunà…"
La sua arte semplice ma ricca di colore, passionale, malinconica, colpiva immediatamente non solo il semplice ascoltatore, ma anche i maestri Pino Rosiello e Odorico Baldini, che coglievano le interessanti varianti sui brani.
"Pascà, fa una bella comune in re minore", diceva Mario Tavino (chitarrista) prima di iniziare, e Pasquale (mandolinista) si "lanciava" con passione ad una serie di variazioni sull’accompagnamento della chitarra.
Una sera, invitati dalla famiglia Volpe, in occasione della festa di S. Gennaro sotto l’omonimo arco, Pasquale Gallo " ‘a stoppa", Nicola Covino " ‘a guardia", Vittorio Micco "il re delle serenate" , Tutuccio Lepore alias "ù spirito" e Armando Salzano, dalla voce melodiosa, tutti con un fazzoletto multicolore legato al collo, diedero vita, con un loro programma fatto di macchiette e brani a forti tinte, ad uno spettacolo idilliaco e a tratti oleografico. L’evento è ricordato poiché al quintetto si unirono alcuni galvanizzati spettatori con caccavelle, triccaballacche, scetavaiasse, tammorre e nacchere.
"Passarranno na bella notte/ sott’a grotta ‘e Piererotta,/ cu e guagliune che vanno a grotta,/ tra frastuono e ‘o votta votta…/ Avvistammo nà tracagnotta,/ ogneduno le dà na botta:/ chi la tira e chi la votta,/ ne facimmo na carnacotta!/ E ‘a guagliona ce prova gusto/ cchiù se sfrena e s’allasca ‘o busto:/ trase tosta pa’ mmiez’a folla/ e se n’esce ch’è molla molla!"
C’era una volta, nei pressi del Duomo, la sala da barba ‘e Pascale " ‘a stoppa", chitarrista e mandolinista. C’era una volta … ora non c’è più.

Enrico Salzano

* Omaggio alla famiglia Gallo

 

Torna all'indice