Cabaret, cantanti e premio "La musica a Benevento: i protagonisti"
Miss Benevento 2010
con Ivana Spagna madrina della manifestazione


“Saran belli gli occhi neri/ saran belli gli occhi blu/ ma le gambe/ ma le gambe/ a me piacciono di più!...”
Ma le gambe”, così nel ’38 Giovanni D’Anzi tra i maestri della musica italiana su testo dell’inseparabile Bracchi, ma se il Giuvannin potesse assistere alla passeggiata delle concorrenti a “Miss Benevento” scriverebbe anche “Ma le spalle”, “Ma gli occhi” e, senza dubbio, anche anatomiche parti del corpo che, pur accattivanti e prorompenti, non vanno citate per pudore.
E alla fisicità si affidano le bellezze nostrane, allorché il prossimo 21 ottobre tutte le luci del “Massimo” punteranno sulle pose di giovanissime bionde, more e rosse.
“Quando una maschietta/ dal musetto seduttore/ ti guarderà/ ti parlerà/ il tuo sguardo acuto/ prepotente indagatore/ che cosa fa?/ L’avvolgerà!...”
Lo spumeggiante concorso, dinamico, nasce nel ’99 da un’idea di Francesco Vitulano, conduttore radio-televisivo; è un vero e proprio spettacolo di varietà: danza, cabaret, musica, che riesce a catalizzare l’attenzione dello spettatore dall’inizio alla fine, in un colloquio ininterrotto con il palcoscenico. Eppure al suo esordio “Miss Benevento” fu tacciata “una fabbrica d’illusioni”, una delle tante che pullulano nella nostra penisola. E un “dotto”, rincarando, sentenziò: “Vedrete, finirà presto!”. Così scrivevo anche lo scorso anno. Quest’anno il concorso di bellezza spegne undici candeline, vantandosi di essere fuori dalle tante crisi che attanagliano altre manifestazioni. La kermesse, capitanata da Francesco Vitulano, organizzata dalla cartoleria “Scacco Matto” patrocinata dal Comune di Benevento Assessorato alla Cultura di Benevento e seguita in diretta da “Antenna Benevento International” e da TV7 per la regia di Mario Del Grosso, propone un eccezionale programma, spaziando dall’esilarante Sasà Spasiano, attore e cabarettista, con lo spettacolo “Non siamo di Zelig”, alle coreografie di Carmen Castiello del Centro Dimensione Danza.
Grandi progetti annunziano gli organizzatori, annunciando una serata di forte carica elettrizzante con Ivana Spagna, interprete di grandi successi quali “Gente come noi” e nota anche per aver interpretato in italiano la colonna sonora del film “Il re leone”. Ma Spagna, che entusiasmò cantando in inglese brani dance quali “Easy lady” e “Call me”, appare anche in veste di madrina della manifestazione, dove è prevista anche “Miss Benevento baby”, una chicca vera e propria.
Viva attesa per il premio alla carriera nell’ambito de “La musica a Benevento: i protagonisti”. Il riconoscimento ideato da Enrico Salzano, critico musicale che da sempre si batte per il giusto riconoscimento della tanta trascurata musica locale, già assegnato ai maestri Franco Tucci, Andrea Principe, Jack Corona e Luigi Gramazio, giunge così alla quinta edizione la sera del 21 prossimo, quando nel segno della memoria sarà ricordato lo stimato professore Raffaele Russo, fisarmonicista, pianista e compositore. Ritireranno il trofeo l’avvocato Lucio Russo e la sua famiglia. Introdurrà l’avvocato Raffaele Del Vecchio, assessore alla cultura del Comune di Benevento.
Due manine deliziose/ ti sapranno accarezzare/ ma due gambe un po’ nervose/ ti faranno innamorare…

Enrico Salzano

* Omaggio a Miss Benevento 2009

Torna all'indice