Dai barbieri e nelle cantine: voci, chitarre e mandolini

“Ce sta ‘na casarella mmiez’ò mare, / addò me sonno semp’è sta cu tte […] / Dint’a sta cagarella / te vullarìa purtà, / pe t’abbraccià, / pe te vasà…/ Ma chistu suonno d’oro / è suonno ‘e fantasia / ca me turmenta semp’à vita mia, […]”
Era l’inconfondibile voce di Tutuccio Lepore, “ù spirito” che, accompagnandosi con la chitarra e forte di una propria teatralità, animava i convivi nei locali: da Cosimo Terlizzi, “a rezza”, quello dei mugliatielli a San Filippo e, da don Fiore Miele, “à grotta azzurra”. Mentre Antonio Baldini, “bacchettone”, con il mandolino celato dal mantello e la sua bella figura d’uomo, faceva maestoso ingresso da Don Peppe Orlacchio, la trattoria di via S. Gennaro. E dopo, il capolavoro di Eduardo Nicolardi e di Ernesto De CurtisVoce ‘e notte”: “…Nun gghì vicino ‘e llastre pe’ ffa’ ‘a spia, pecchè nun può sbaglià: sta voce è a mia…/ È a stessa voce ‘e quanno tutt’è dduie/ scurnuse, nce parlavamo c’ò “vvuie” […]”, passava all’idilliaco brano di Murolo-TagliaferriPusilleco addiruso” – concludendo, immancabilmente, il suo squisito repertorio con la sua: “Don Achì, nun te stancà!/ Tu ce fa stà carità/ sei, sette vote ‘u juorno u’ calmiere è affissà”. Erano acuti stralci di feroce ironia all’indirizzo dell’allora sindaco don Achille Isernia. Ma, da contraltare, direttamente dagli “spusarizi ‘e freselle”, Nicola Covino e la sua chitarra con quattro accordi, ma precisi, eseguiva “La pansè”: “Ah!... Che bella pansé che tieni,/ che bella pansé che hai…/ Me la dai?... Me la dai?... Me la dai la tua pansé? […]”.
Erano questi gli esponenti della folta schiera di orecchianti che trovavano, per dirla alla Vittorio Micco, nelle cantine l’atmosfera della vera Napoli: era l’era della canzone popolare. Questi artisti, a torto maltrattati, nacquero nei “Barber shop” americani in formazioni di quattro elementi vocali con chitarre e si esibivano nei negozi di barbiere. Gente preparata e con una secolare accoratezza nell’animo, che per pochi soldi divertivano i clienti in attesa di radersi. Cominciavano a cantare, a salmodiare, ad alternarsi sul ritmo di un’autentica canzone, solitamente estratta dal più autentico repertorio popolare. Le loro canzoni a più voci si alternavano alle impennate del solista. Questa idea fu raccolta e adattata alla canzone industrializzata: nacquero così i complessi vocali e strumentali “Barber shop”, che ben presto si diffusero anche da noi. Qui, nei pressi del Duomo, il barbiere Pasquale Gallo, “ ‘a stoppa”, teneva con il suo mandolino dei veri e propri concerti del genere, con il fratello Fulippiello, dalla voce ben impostata, con il fisarmonicista Cosimo Lepore, “ù spiritello” e, al contrabbasso, zì Giuvann ‘o barbiere, che sottolineava la cavata masticandosi la lingua. Con cura eseguivano il classico napoletano: dalla tammurriata ai brani dell’800 e ‘900, portando nelle esecuzioni forme antiche. Immediata la risposta del “Barber shop” di piazza S. Maria, Augusto ‘u sgubbetièllo, dal cui mandolino “sprizzavano” trilli paradisiaci, in rapido alternarsi di una nota con un’altra, superiore o inferiore, di un tono o di un semitono. Augusto si avvaleva, per le sue performances, della presenza del chitarrista Vittorio Micco, “re delle serenate” e di Armando Salzano dalla voce seria, ntunata e sapurita, così descritta dal poeta-attore Giuseppe Fallarino. E musica anche abbasci’a fravule, con chitarre, mandole e mandolini di Giovanni Russo, “pinocchio”, Cosimo Vitiello, “ù marmuraro” e Mario Tavino, mentre Raffaele Russo, fisarmonicista, muoveva i primi passi. Questi artisti non erano tutti barbieri o amici di quest’ultimi, ma figuravano anche “Giretielle”, alias Ciro Izzo, cusetore. “Sunava, quanno o bicchiorotto s’aveva fatto, tanno po’ siscava e, sunanno ‘a chitarra a capa sotto, “l’ideale” di Tosti te cantava… Era turco, italiano o bergamotto?” E, continuando con don Lorenzo Celegato: “zì Geretielle tiene ‘a fresella ‘nta chitarra… sfottevano e guaglione, a vì? Nun sonà,… statte zitto, guagliò, che vuò sapè? Mammeta, in gioventù, quant’era bbona e pure mò se fira e chiacchierà!”.
Figure sempre attuali, musicisti puri, vivacità e calore nelle loro esecuzioni. Che fortuna averli conosciuti!
Ogni nota dei loro strumenti, lanciata con forza quasi muscolare, andava diritta al cuore. Altri tempi, altra musica, ma che faranno di essi i protagonisti della musica a Benevento.
“…Sona chitarra mia/ sciuogliem tu, stì ppene!/ Sona chitarra mia/ dille c’à voglio bbene./ Stanotte, sulamente/ famme sunnà cu’ tte/ adduormeme stù core/ adduormele cu ‘tte.” (E. De RiminiA. Salzano)

Enrico Salzano

° Omaggio a voci, chitarre e mandolini.

Questo articolo è stato oggetto di studio da parte della dott. M. C., che dopo l’approvazione della chiarissima prof. Marilisa Merolla della facoltà di Sociologia dell’Università “La Sapienza” di Roma, lo ha riportato in un capitolo della tesi di laurea sull’aspetto artistico-musicale della canzone.

Torna all'indice