Scompare 'u pueta 'mpruvvisatore
Peppino Fallarino, l'ultimo menestrello


“Al maestro Enrico Salzano fedele custode, appassionato della nostra parlata Beneventana. Con stima e cordialità”. Era l’anno 2005 e, con tanti progetti per il futuro, Peppino Fallarino mi omaggiava del suo “’U viche addò so nato”. Pensai immediatamente di trovarmi di fronte ai tanti che copiano e incollano i tipi “curiosi” del passato. Invece il volumetto, pur con “Nu barbiere suonatore” (Augusto u’ sgubbetièllo), “Peppe Sorice” (“piglianc…”) …racconta, forse, meglio degli altri, l’autenticità, l’identità, l’atmosfera dei “tiempe belle” con un linguaggio poeticamente semplice ma assai curato nella scelta delle parole e fornisce, se ce ne fosse necessità, una conferma del suo stile, evidente nei brani più spensierati  ma anche in quelli mesti.
“…Cantava spisse cu nu file ‘e voce| tante ‘e chelle canzone d’ù passàte;/ ’a sento ancòre, ’na musica doce/ e risunà pe tùtte ‘u vicinate…”.
Se dovessi musicare “’A vèche accussì” (mia madre Assuntinella) coniugherei suoni di fisarmonica e un pianoforte in sottofondo al fine di evocare immagini e colori di un tempo lontanto dimenticando la realtà, dolce e dolorosa. Fallarino, poeta del popolo, soddisfatto del suo minimalismo si è sempre accontentato di raggiungere il cuore della gente con fatti, personaggi e blandi sentimenti. Infatti, non ha seguito mai gli schemi e i temi obbligati tanto in voga, ma ha guardato i contenuti più vicini alla vita di ieri e di oggi con realismo spicciolo. Già da piccolo, mi raccontò, stupiva i vicini di casa con le sue doti di poeta – ‘mpruvvisatore, le stesse che poi suggellarono il successo di ben otto commedie dove, Peppino Fallarino appare in veste di autore – attore.
“Estemporaneità, entusiasmo, gioia,ironia”. Dissero gli esperti di “Mastu Cosimo’u scarparo”, tenutosi al “Massimo”. Risalgono in tempi più recenti, invece, le brillanti: “Sciacqua rosa e bive gnesa”, “E ‘gghiute pè grazia, è truvata giustizia”, “’A sciorte ‘e Arturo”, “I panne sporche nze lavano ‘nfamiglia”. E’ sempre in vernacolo beneventano, l’ esilarante frenetica commedia: “A ‘ghiennere e nepute chelle che faje nunn’è tutte perdute”.
Piacevano, di questo personaggio, il repertorio comico che va dallo scherzo alla commedia, dalla parodia alla macchietta, fino alla farsa, ma soprattutto il sarcasmo e lo “spirito plebeo”. “Spirito plebeo” nel senso di artista che riesce a trasmettere la sintesi, la vita stessa del suo rione d’origine ne “U’ viche addò so nato” (N.Franco), “libretto pubblicato per diletto”. Così dichiarava l’autore, nel 1998. “Si jèsche sule pe ‘na passiàta,/ cuntente vàche int’ ‘u rione antiche;/ ’na luggetella meza scarrupata/ chiene ‘e beconie mbellettàve ‘u viche… A verità va dìche sottovoce: “M’aggià trattène, ca me vène a’ chiagne!”. E’ toccato dai ricordi, lo “spirito plebeo”, e una lacrima appare nei suoi old blue eyes e… “m’aggia trattène,ca me vène à chiagne”. Lui,non si nasconde ma si mostra sicuramente per quello che è: un essenziale, attore che propone al pubblico il beneventano verace.
Mi parla dei suoi “idoli”:Armando Gill, il primo vero cantautore della canzone italiana; Gabrè (Aurelio Cimata) fine dicitore, specialista nelle canzoni napoletane e di Ettore Petrolini, attore, maestro surreale, modello irripetibile di comicità estemporanea. “Sai Enrico, in quei lunghi inverni del dopoguerra mi ritrovavo a casa di Gino Sarti, e accompagnato da chitarre e mandolini, cantavo “Garofano rosso”, “A casciaforte”, “Nu quarto ‘e luna”, “Luna rossa”. La mia grande passione è stato il canto! Che dici posso cantare ancora?”. “Si! Canta Don Peppì!”. E mi propose Claudio Villa in “’Na gita a li Castelli”, e “La società dei magnaccioni”,  imitandone perfettamente la voce, su quel difficile banco di prova che sono gli stornelli, con svolazzi, gorgheggi in falsetto e note tenute all’infinito, quasi.
Con Peppino Fallarino se ne va il pezzo forte della parlata Beneventana.

Enrico Salzano

* Omaggio a Peppino Fallarino, spirito plebeo

Torna all'indice