'Na voce, 'na chitarra e l'alleria

"Quanno vene ‘o mese austo,/ tutt’è ssere faccio festa:/ veco a Rosa senza busto,/ Carulina senza vesta…/ Quanno vene ‘o mese austo/ sti figliole senza busto/ me piace d’è guardà…/ d’è tuccà/ d’è vasà…!" (F.Fiore — G.Lama)
Alto, disinvolto, elegante quanto basta, chitarrista, voce roco-pesante, dai falsetti non sempre intonati, ma che rendeva con spirito gradevole i numeri del suo esclusivo repertorio.
Nicola Covino ‘a guardia amava la vita, la gente, le scampagnate, la buona tavola e le romantiche serenate accompagnate dal mandolinista e chitarrista Pasquale Gallo "‘a stoppa", suo grande amico. Gli ingredienti di cui non fece mai a meno nei suoi estemporanei spettacoli, che godettero del favore del pubblico, furono i brani ricchi di colore, fatti di doppi sensi, come la maliziosa: "Nù poco ‘e sentimento":
"Nu signurino ca parlave trosche/ m’ha purtata cu isso a birraria;/ nu schioppe m’aggio vippeto ‘e Paschiosche/ e po’ m’a ditto: Vieni a casa mia?/ Io nce so ghiuta, ma pe nù mumento,/ sule pe fa nu poco e sentimento!/ Mariteme, che sa, / nun me sape piglià! / Quanno me dà nu vaso; / Quanno me dà nu vaso;/ Poh! Poh! Poh!/ Tutto è fatto e se ne va!/ Tutto è fatto e se ne va!"
Sapiente alchimista, in "Don Saverio", giocava con i versi e la musica in un mix divertente — dissacrante, dove il popolare Nicola evidenziava una non comune "vis comica".
"A’ gente quanta cose vò sapè!/ Si e tengo, cumm’è tengo… Neh, pecchè?/ …Arap’a sala a tutti, è vero…ma/ mia moglie poi sa bene quel che fa!" (P. Cinquegrana — V. Valente)
Geniale e creativo nelle feste, battesimi e matrimoni dove, per meglio catturare l’attenzione del pubblico, proponeva "Quanno tutto è fernuto":
"Quanno tutto è fernuto/ ognuno piglia a via soia/ cu quacche cosa ‘e debbeto pe’ nà ballata sola/ …Alfredo vò amaretta/ risponde Geretiello: c’azzecca u bicchiriello/ Fa mezanotte e và e ghiammuce a cuccà/ …Comme me gira ‘a capa cu chellu vino acito/ Fa mezanotte e và…" (N. Covino — A. Salzano)
Assiduo spettatore di avanspettacolo e varietà, Nicola Covino, intratteneva confidenziali rapporti con Macario, Alberto Sorrentino, Gloria Christian, Aurelio Fierro. Ma il suo vanto era la grande amicizia con il cantante napoletano Mario Abbate, che lo aveva designato suo rappresentante artistico.
"Ho sempre pensato che Marittiello sia la vera voce di Napoli…evè?" Questo ma tanto altro mi diceva di Abbate durante gli intervalli delle feste. "Errì, che fai stasera? Vai a sunà?... Ah! E allora vengo direttamente cù ‘a chitarra e faccio quella canzone che piace a te!... Evè?" E’ vero! Mi piaceva quella esilarante macchietta, fatta di semplici versi costruiti su un noto motivo che piacque anche a tutti gli invitati di quella festa di battesimo.
"‘Ngopp’ò vico Sergente Maggiore/ ce sta ‘e casa Madama Chichierchia…/ E’ un tipo ch’ha fatto furore: ‘e giurnale, l’ha fatte parlà! … Madama Chichierchia ‘ cca,/ Madama Chichierchia ‘a llà,/ diente mmocca ‘nn tene cchiù/ e vò fa’ ancora …zuchetezzù! …" (A. Califano — S. Gambardella)
Oggi imperversano imitatori, comici e cabarettisti, ma il posto di Nicola Covino ‘a guardia, intrattenitore-improvvisatore, è ancora libero.
"Canta! Canta!/ Canta chi v’ò cantà…/ Chest’è ‘a canzone d’à felicità". (E. Murolo — E. Tagliaferri)

Enrico Salzano

* Omaggio alla memoria di Nicola Covino

Torna all'indice