Nicola Covino "'A Guardia"

"Comme sonano ‘e zucculille/ Tticchete e ttacchete, quanno abballe/ tale e quale stù core fa:/ Tticchete e ttacchete, tticchete tta…".
Alto, elegante, disinvolto, chitarrista, voce pesante dai falsetti non sempre intonati, ma rendeva con spirito gradevole i numeri del suo esclusivo repertorio. Nicola Covino, l’intrattenitore, dava vita ad esilaranti macchiette piene di doppi sensi e di semplici versi costruiti su motivi conosciuti, su episodi di cronaca o caricaturando persone presenti in sala. ‘A guardia, infatti, nei matrimoni, per meglio catturare l’attenzione degli invitati, proponeva a fine serata la sua: "Quanno tutto è fernuto/ ognuno piglia a via soia/ cu quacche cosa e debbeto/ pe na ballata sola/ …Alfredo vò amarètta/ risponne Geretiello/ ci’azzecca ù bicchiriello/ E’ mezanotte e va/ e ghiammoce a cuccà/ …comme me gira a capa/ cu chellu vino acito/ E’ mezanotte e va…". Originale interprete delle melodie napoletane di quegli anni, quali "La pansè", "‘A cura ‘e mammà", "Campagnò", dove il popolare Nicola evidenziava una non comune vis comica.
"…Stù sfizio, ò ssà, Carmè,/ si tu m’ò fai passà,/ na cosa i dongo a tte,/ ca te fa ‘nzuccarà!/ Si vuò sapè ched’è,/ si vuò sapè addò sta,/ fatte cchiù sotto a me/ e… zitta, nun parlà!"
Sapiente alchimista, che giocava con i versi e la musica in un mix divertente — dissacrante.
"E a luna guarda e dice:/ Si fosse ancora overo!/ Chist’ è ò popolo e nà vota,/ gente semplice e felice,/ chist’ è Napule sincero/ ca pur’ isso se ne va!"
Nicola amava la vita, la gente, la scampagnata, la buona tavola e le romantiche serenate accompagnate dal mandolino di Pasquale Gallo "à stoppa", suo amico. Gli ingredienti di cui non fece mai a meno nei suoi estemporanei spettacoli di piazza e che godettero del favore del pubblico, erano del repertorio di Nino Tarcuto e di Beniamino Maggio; ricordo la maliziosa "Fatte pittà" e "Don Saverio"
"A gente quanta cose vò sapè!/ Si e tengo, cumm’ e tengo… Neh, pecchè?/ …Arap’ a sala a tutti, è vero… ma/ mia moglie poi sa bene quel che fa!"
Assiduo spettatore di avanspettacolo e varietà, intratteneva confidenziali rapporti con Macario, Alberto Sorrentino, Gloria Cristian, Aurelio Fierro. Ma il suo vanto era la grande amicizia con il cantante napoletano Mario Abbate, che lo aveva designato a Benevento suo rappresentante artistico. "Ho sempre pensato che Marittiello sia la vera voce di Napoli… evè?" E tant’altro mi diceva di Abbate, in particolare, negli intervalli delle feste.
"Errì, che fai stasera? Vai a sunà?… Ah! E allora vengo direttamente cu ‘a chitarra e faccio quella canzone che ti piace… Che dici? Evè?"
E’ vero, mi piaceva la macchietta di Nicola "a guardia" e piacque anche agli invitati di quel battesimo.
"…Segui una giovane, piuttosto eccentrica,/ la senti dir: la vuoi finir di far lo stupido…/ Po’ se ne vene ò cinema, po’ vene a strafucà…/ Giunta alla casa all’undici, confida alla mammà:/ Mammà, ho trovato un chiochiero, cchiù chiochiero e papà"
Oggi imperversano imitatori, comici e cabarettisti, ma il posto dell’intrattenitore-improvvisatore Nicola Covino è ancora libero.
"Tiempe belle ‘e nà vota,/ tiempe bella addò state!/ Vuje ‘nce avite lassate lassate…/ Ma pecchè nun turnate?"

Enrico Salzano

* Omaggio al mio amico Peppino Covino.

Torna all'indice