I compositori della canzone beneventana



"I’ tengo dint’o core ‘nu turmiento,/ ‘na spina ca me pogne notte e ghiuorno…/ Tutte ‘e suspire miei so’ ghiute ‘o viento/ e comme ‘o viento avoto pe’ cca tuorno/ smaniuso ‘e sentì sola ‘na parola…/ Dimme chella parola,/ chella parola ca nun me vuò dì./ Dimme: "te voglio bene!"…/ Parola doce ca me fa murì!.../ Po’ nun me ‘mporta cchiù/ si sta parola/ s’ha portato ‘o viento,/ tanto, pe’ nu mumento,/ a voce toia , m’ha data ‘a fantasia/ ‘e sta vicino a te!"… (V.D’AgostinoA.Salzano)
Numerosissimi sono i compositori che sin dagli inizi del Novecento hanno scritto per la canzone beneventana pagine indimenticabili. Molti i competenti, altri, invece, non avendo cognizioni musicali "dettano", di solito ad un pianista, il motivo da loro ideato: canzoni appassionate, per carnevale, serate, sagre, per protesta o per scherzo. È con questa visione che operavano le figure, mai dimenticate, di Giuseppe Grassullo, Giovanni Vernucci, Salvatore Rosiello e Raffaele Tedesco. Ancora sono ricordati i motivi di Davide Valillo, emigrato in America, di Salvatore Glorioso, di Giuseppe Iadarola, di Nino Martignetti che esprimeva la nostalgia trovata nelle ore passate "vocche a vocche" a fare l’amore per le zone ombrose nei pressi della villa comunale. Allora Antonio De Rimini musicava i versi dell’avvocato Cosimo De Blasio e Antonio "bacchettone" lanciava acuti stralci di feroce ironia al sindaco don Achille Isernia. "Don Achì, nun te stancà, ca tu ce fa sta carità, sei, sette vote u’ jorno u’ calmiere e affissà".
Nella "Piedigrotta Beneventana", che si tenne in Piazza Commestibili intorno al 1920, s’improvvisarono carri che sfilarono per le strade di Benevento, tra un popolo esultante che manifestava così la sua genialità e spontaneità, cantando: "Piedigrotta paisana", "A luna me dicette", "Nennella mia", "Funtana nova". In questi brani si colgono i compositori a rappresentare ad ogni costo i sentimenti del popolo e nelle opere si evidenziano arie di vecchia data. Ma figura anche un nutrito gruppo, di solito strumentisti che omaggiano la musica beneventana di autentici gioielli come Pino Rosiello, direttore d’orchestra e pianista, accompagnatore ufficiale nel 1949 di Beniamino Gigli. Tra le sue opere si ricordano: "Mirka", "Diva", "Gondola". Altro esponente di questo ambito colto è Italo Cammarota, emblematica figura della nostra città, che vanta brani melodicamente perfetti, quali: "Lavinia", "Garibaldina" su testi del napoletano Alfonso Chiarazzo, "Santarella", "Trieste mia" con il poeta Lorenzo Celegato, "O’ guappo" interpretata dal grande Nino Taranto e "Nu munno ‘e bbene" con il "sanguigno" Vincenzo De Masi.
"Pecchè me fai ‘sti scene ‘e ggelusia / si chistu core l’aggio dato a tte? No, nun m’o ffa, nun vide anema mia / ca voglio bene sulamente a tte? Io voglio a tte / sultanto a tte / nu munno ‘e bbene!..."
Altro compositore che si ricorda per la corposa produzione musicale è Ettore Paragone. Pianista e contrabbassista, divenuto popolare negli anni ’50, fornisce a Vincenzo De Masi la musica del vivace brano "Tarantella zitto zitto", prescelto come canzone ufficiale dal 1° Carnevale beneventano. "Tarantè, tu si turnata / zitto zitto e si trasuta / dint’o core / a ‘stu core ‘nnamurato / c’aspettava triste e muto ‘nzieme ‘ammore…".
Alfredo Gramazio, sassofonista e violinista (che suonò ad Asmara con Renato Carosone), appassionato di musica argentina, scrive: "Nina enamorada", "My guidara", "Alma gitana", "My dulce amor", "Amo solo te bambina" e "Come un angelo biondo". Rivedo ancora la sua bella figura, in tenuta da gaucho, portare con il suo violino nelle sale da ballo le note del tango combinate a tristezza e sensualità. "Stasera nun passa nisciuno sott’a sta luna, pe chesta via sulagna affianc’o mare ch’è tutta primavera…" Brano nostalgico e di grande effetto di Antonio De Rimini con i versi di Oscar Rampone, vincitore del "Concorso della canzone" tenutosi nelle Terme di Telese negli anni ’30.
Alfredo Salzano, clarino e sax, allievo dei maestri Cammarota, Baldini, Rosiello, De Rimini, compose "Nennella pacchianella", "Chitarra malinconica", "Nostalgia paesana", "Antico amore" con il fedele amico e poeta Edgardo De Rimini, mentre con Vincenzo D’Agostino "Silvanita" e "Dimme" brano che figurò nel repertorio del tenore Tullio Pane, di Mario Abbate e dei "nostri" Tullio Zitani, Romolo Fiore e di Andrea Principe. Partecipò con Antonio Esposito al "Secondo Festival della canzone" con "Fenestella ‘e Marechiare" e "Ciccillo terremoto". Clarinettista nel 1940 dell’orchestra del maestro Pippo Barzizza.
"A canzone, si è ricca o puverella / è sempe figlia a ‘o popolo: e pperciò, trase o nun trase a S. Pietro a Majella / vò fa’ o commendo sulo quann’essa vò…/ E vierze? Ce ppò fa’ nu professore / o n’ommo ca po’ appena cumpità… / A musica? Ce a fa’ chi tene core / o meglio pianoforte ca ce sta…" (E.A.Mario)

Enrico Salzano

* Omaggio ai compositori della musica beneventana

Torna all'indice