Il posteggiatore che cantò le più belle canzoni del '900 napoletano
Vicienzo 'o cecato


“Signurì buongiorno, eccellenza con insistenza, all’apparire della mia presenza, addò nisciuno me penza, faccio appello alla vostra indulgenza e dimostratemi ‘nu poco ‘e benevolenza”. Così l’incipit di “‘o cecato” il popolare posteggiatore che cantò, accompagnandosi con il violino, le più belle melodie del ‘900 napoletano. “A cura ‘e mamma” (P.Cinquegrana – G.De Gregorio); “Duie paradise” (C.Parente – E.A.Mario); “Nu poco ‘e sentimento” (P.Villani – G.Lama); “Don Saverio” (P.Cinquegrana – V.Valente). “…Mia moglie sola sola star non può/ Arap ‘a sola a tutti, è vero…ma/ mia moglie poi sa bene quel che fa![…]. Ma, anche “Silenzio cantatore” (L.Bovio – Lama); “Scetate” (F.Russo – Costa) tra le più riuscite del suo immenso repertorio.
Vicienzo “‘o cecato”, accompagnato da un giovanissimo che suonava il tamburello e provvedeva a distribuire le “copielle”- fogli che riportavano artigianalmente i testi e le musiche delle canzoni – e a raccogliere “‘o rasto” (questua con il piattino), teneva i suoi concerti nella centralissima Piazza Roma dove,negli anni ’50, sostavano gli autopullman che collegavano Benevento con la Provincia e nella vicina trattoria da “U’ chionzo”. Il posteggiatore proveniva da Napoli? Non si sa bene, poiché parlava una strana lingua, la “parlèsia”, comunicazione in codice dove, “‘o tagliere” stava per violino; “allagrossa” per chitarra; “‘o furetto” per mandolino.
“’O cecato “, possedeva una certa cognizione musicale e per questo era invitato, accompagnato da chitarra, mandolino e fisarmonica (concertino) ad allietare nascite, comunioni, cresime, matrimoni, dove, immancabilmente interpretava di Bovio – Frustaci: “Zingariello,/ cantatore ‘e Pusilleco,/ senza voce sapiva cantà;/ cielo e mare, /- quanno ‘a notte era doce - /cu n’accordo ‘e ‘na chitarra/ faciva scetà!” Dopo l’omaggio a Giuseppe Di Francesco detto “‘o zingariello” seguivano brani dove evidenti erano le variazioni come nel caso di “Tammurriata nera” (E.Nicolardi –E.A.Mario). “E signurine ‘e Caperichino/ fanno ammore cu ‘e marucchine/ ’e marucchine se vottano ‘e panza/ ’e signurine cu ‘e panze annanze”.
Non sempre tollerato dagli osti si rifaceva incantando gli avventori con uno dei suoi cavalli di battaglia: “Quann ‘ammore vò filà” di Murolo – Tagliaferri. “…E allora ammore… ndranghete/ ’na notte che te fa? /cu ‘na scalella d’oro/ ’mbraccio ‘a bruna se ne va…” “Nennè, dicette ‘a gnora,/ che songo ‘sti suspiri?...” ”E’ o ‘ventariello, oì mà,/ che smuove ‘e fronne/ ’a notte, int’allestà…”.
“…Errì, ho sempre, sin da guaglione, cercato soltanto di diventare un grande musicista, più che i sordi dei quali àggio avuto sempe grande necessità”.
Dignitoso, alto, occhiali scuri, con l’immancabile impermeabile mai abbottonato, singolare poeta estemporaneo, Vicienzo “‘o cecato” s’innamorò di “Nennella pacchianella” del poeta Edgardo De Rimini e di Alfredo Salzano, musicista che regalò, apportando interessanti varianti senza però sconvolgere la melodia, ai suoi tanti ammiratori, fra i quali, lo stimato M° Pino Rosiello, nella vecchia cantina di “Zi Ciccio” a Piazza Tribunale. Suonò e cantò quasi tutte le canzoni napoletane comiche ma anche drammatiche del ‘900 e fu l’antologia del pentagramma plebeo. Tra le preferite “Cicerenella”, “Lo cardillo”, dove offrì una personalissima versione.
Ritornai in Piazza Roma, dopo qualche anno di assenza, ma non ritrovai né gli autopullman, né il posteggiatore – gavottista e non ascoltai mai più “Furturella” con quel particolare stile esecutivo.
“…Cicerenella teneva ‘na gatta/ ch’era cecata e purzì scontraffatta, /la trascenava co mmezza codella…/ chesta è la gatta de Cicerenella.[…].

Enrico Salzano

* Omaggio al posteggiatore Vicienzo o’ cecato

Torna all'indice