Il posteggiatore che cantò le più belle canzoni del '900 napoletano


"Signuri buongiorno, eccellenza con insistenza, all’apparire della mia presenza, addò nisciuno me penza, faccio appello alla vostra indulgenza e dimostratemi ‘nu poco e benevolenza."
Così l’entrata di Ciènzo "o’ cecato"cosiddetto, il posteggiatore che cantò le più belle canzoni del ‘900 napoletano accompagnandosi con il violino: da "A cura ‘e mammà" a "Duje Paravise"; da "Scetate" a "Palomma"; da "Ciccio formaggio" a "Furturella", tra le più riuscite del suo immenso repertorio. Ciènzo, alto, occhiali scuri, con l’immancabile impermeabile mai abbottonato, teneva i suoi concerti nella trattoria "O’ chionzo" e a Piazza Roma dove sostavano, negli anni ’50, gli autopullman che collegavano la provincia a Benevento, accompagnato da un ragazzo che provvedeva a distribuire le "copielle" (fogli che riportavano i testi e le musiche delle canzoni) e a raccogliere "o’ rasto" (questua con il piattino). Ciènzo proveniva da Napoli? Non si sa bene, perché parlava una strana lingua, la "parlesia": "o’ tagliere" stava per violino; "allagrossa" per chitarra; "o’ peretto" per mandolino. Il posteggiatore-gavottista possedeva una certa cognizione musicale e per questo veniva invitato, accompagnato da chitarre, mandolini, fisarmoniche (concertino), ad allietare matrimoni, battesimi, cresime, comunioni, dove immancabilmente portava: "Zingariello" di BovioFrustaci.
"Zingariello, cantatore ‘e Pusilleco, senza voce sapive cantà; cielo e mare, quanno ‘a notte era doce, cu n’accordo e ‘na chitarra facive scetà!"
Non sempre tollerato dai gestori dei locali Ciènzo "o’ cecato" si rifaceva incantando gli avventori, con "A casciaforte" di MangioneValente.
"Vaco truvanne ‘na casciaforte / e andivinate pe’ ne fa che? / Non tengo titoli / non vivo ‘e rendita / non ci ho un vestito pe’ ccuollo a mme! / Ma ‘a cascia mi necessita / pe’ fforza ll’aggia tenè!... C’aggia mettere tutte ‘e lettere / che mi ha scritto Rusina mia / nù ritratto, formato visita, / d’à buonanima ‘e zì Zofia / nù cierro ‘ e capille / ‘nu cuorno e curallo / ed il becco del pappagallo / che noi perdemmo nel ventitré!... Pepeperepepepè!!!"
Dignitoso e a suo modo elegante, il posteggiatore s’innamorò della gioiosa "Nennella pacchianella" di Edgardo De Rimini e di Alfredo Salzano che regalò, con trasformazione ritmica e melodica del tema originale ai suoi tanti ammiratori, nella cantina di "Zì Ciccio" in piazza Tribunale.
Ritornai a piazza Roma, dopo qualche anno di assenza, ma non ritrovai più né gli autopullman né il posteggiatore — gavottista con il suo violino e con l’immancabile impermeabile mai abbottonato e, ahimè, non ascoltai più la sua "Furturella".
Credo che Ciènzo "o’ cecato", posteggiatore eccellente, sia stato intercessore di un immenso repertorio musicale, vocale e strumentale, riferito ad una grande platea popolare ma anche medio borghese.
"Tien’a vetella / comm’a vucchella (Furturè) / peccerella, peccerella / (Furturè!) Che dice, che faje, / Che pienze m’a daje, / Furturè?... / Io me moro pe tte!... / Eh! Eh! Eh! / Uh quant’è bello a ffa ammore cu tte!... / Ah! Ah! Ah! / Uh quanta vote te voglio vasà!..."

Enrico Salzano

* Omaggio al posteggiatore Ciènzo ‘o cecato, mio amico.

Torna all'indice