C'era una volta un posteggiatore

"Facite comme a me; senza timore,/ cuffeo pure ‘a morte, e ‘a piglia a risa:/ io so cuntento meglio ‘e nu signore,/ pecchè tengo una faccia e una cammisa […]"
Così l’entrata di Vicienzo " ‘o cecato" il posteggiatore che cantò, accompagnandosi con il violino, le più belle canzoni del ‘900 napoletano. "A cura ‘e mammà"; "Furturella"; "Dui paravise";
"Funiculì funiculà"; "Nu poco ‘e sentimento"; "Silenzio cantatore", tra le più riuscite del suo immenso repertorio. Vicienzo, accompagnato da un giovanissimo che provvedeva a distribuire le "copielle" (fogli che riportavano i testi e le musiche delle canzoni) e a raccogliere " ‘o rasto" (questua con il piattino), teneva i suoi concerti nella centralissima Piazza Roma dove, negli anni ’50, sostavano gli autopullman che collegavano la provincia con Benevento e nella vicina trattoria "U chionzo". Il posteggiatore proveniva da Napoli? Non si sa bene, poiché parlava una strana lingua: la " parlesia" dove "’o tagliere" stava per violino; "allagrossa" per chitarra; "o peretto" per mandolino.
Il gavottista possedeva una certa cognizione musicale e per questo era invitato, accompagnato da chitarre, mandolini e fisarmonica (concertino) ad allietare nascite, comunioni, cresime e matrimoni dove, immancabilmente, interpretava di Valente — Pisano "In vino veritas".
" ….Che risata / mi son fatto nei calzoni./ Ah…Ah…Ah…./ In vino veritas/ E canta che ti pass.
Fiore di fagiolino, / la mia moglie tiene un bambino/ ch’è il ritratto di mio cugino,/ non somiglia per niente a me./ Vuoi vedere che mio cugino/ m’ha fatto priore di San Martino?!/ In vino veritas e canta che ti pass."
Talvolta, mal tollerato dagli osti, si rifaceva incantando gli avventori con uno dei suoi cavalli di battaglia: "Quann ‘ammore vò filà" di Murolo — Tagliaferri".
"Canciello ‘e massaria, canciello ‘nchiuso/ Che catenaccio mammà nc’eva miso!/ ‘sti ddoie zetelle, due cunfiette rosa,/ speravano pe n’ommo e pu ‘nu vaso…/ E manco ‘a bruna, ‘a cchiù maleziosa, puteva ascì d’a casa cu ‘na scusa…
E allora Ammore..… ndranghete/ Na notte che te fa?/ Cu na scalella d’oro / ‘mbraccio ‘ a bruna se ne va…..
<<Nennè, dicette ‘a gnora,/ che songo ‘sti suspire?...>>
<< E’ o ventariello, oì mà,/ che smuove ‘e fronne, ‘a notte, int’allestà….>>

Dignitoso, alto e occhiali scuri, Vicienzo "’o cecato" con il suo immancabile impermeabile mai abbottonato si innamorò di "Nennella pacchianella" (E. De Rimini — A. Salzano) che regalò, apportando qualche variazione sul tema, ai suoi tanti ammiratori nella cantina di "Zi Ciccio" in Piazza Guerrazzi.
Ritornai in piazza Roma, dopo qualche anno di assenza, ma non ritrovai né gli autopullman, né il posteggiatore — gavottista e non ascoltai mai più "Furturella" con quel particolare stile esecutivo.
"Tien ‘a vetella/ Comm’à vucchella/ Furturè/ Peccerella, peccerella,/ Furturè…..!
Che dice, che faje,/ che pienze m’a daje/ Furturè?"

Enrico Salzano

* Omaggio a Viciènzo "o cecato

Torna all'indice