Dal Salone delle Feste del Grand Hotel ‘Italiano’
BUON ANNO A TE!
Spettacolo condotto da Carmela Donisi con “ The Marines” – Ospite il M° Peppino Principe, fisarmonicista

Buon anno te,/ buon anno a lei,/ buon anno a lui,/ buon anno a voi,/ buon anno ai miei,/ buon anno ai tuoi,/ buon anno ai suoi e a tuti voi./ Cantiam, cantiam, tutti insieme brindiamo./ Cantiam, cantiam, tutti insieme a festeggiare l’anno nuovo.

Via allora alle danze, ma solo dopo l’accogliente e spumeggiante benvenuto che il dott.Giulio Italiano rivolgeva al Circolo Culturale dell’Alitalia, al Circolo ILVA di Bagnoli, alle comitive provenienti da Roma, dalle Puglie, da Napoli, ma anche ai tanti beneventani che entusiasticamente affollavano l’illuminatissimo Salone delle Feste del Grand Hotel ‘Italiano’.La colonna sonora della Kermesse di fine ed inizio anno affidata allo storico gruppo “The Marines”, fondato e diretto da Enrico Salzano critico musicale, siglava il repertorio al suono delle eleganti e seducenti armonizzazioni della bossa nova di Joao Gilberto, Antonio Carlos Jobim e Vinicius De Moraes, dove la potente sezione ritmica si proponeva precisa e raffinata. Enrico Salzano percussioni e voce; Alfredo Salzano batteria; Bruna Orlacchio piano e voce; Pino Tiso alle tastiere e il chitarrista-mandolinista Jack Corona. La piacevolissima linearità musicale sfociava – anche assecondando il naturale temperamento della formazione musicale – in musica introspettiva, pittoresca, corposa, dove evidente emergeva ora la voce di Jack che portava “Carmela”, uno degli ultimi classici napoletani, ora quella tesa-roca-swingante-caratterizzante di Enrico. Alle 23.00, Bruna Orlacchio grazie alla sua abilità e dinamica vocale, a tratti corposa dal perfetto controllo, proponeva le impegnative “Insieme” e “ Città vuota”. Il Concerto di S.Silvestro 2010…2011 assumeva, nella sua grintosa sobrietà con una girandola di suoni accattivanti, diretti e di ritmi sicuri, un particolare significato scaturito dall’estrema personalità dei musicisti, che gratificati dai continui e calorosi consensi del pubblico, davano tutto il loro essere.”Guarda che luna” interpretato intensamente dal M° Enrico Salzano che appariva in modo vissuto con la timbrica allo spasimo e più volte roca, omaggiava il suo amico Fred Buscaglione, quello dal Whisky facile”. Così la splendida, bionda, esplosiva conduttrice Carmela Donisi che alla fine prorompeva in un gran pianto abbracciando Enrico, per la suggestiva interpretazione. In questo brano gli strumenti si fondevano, spesso in un sound unico, con l’iniziale intervento del piano di Bruna e poi con suoni strategici di Pino mentre Alfredo Salzano, batterista forniva più di un supporto dinamico, dando il tempo agli altri musicisti che ne apprezzavano il temperamento ed il sound, evidenziato sin dalle prime battute, e per le tante figure originali e per essere l’eccellente percussionista dal ritmo incandescente. Ospite d’onore del Galà, il M° Peppino Principe, oscar mondiale della fisarmonica, che regalava con la sua “Excelsior “ nera “Il volo del calabrone”, “Il carnevale di Venezia”, “ El Bandito”, mentre accompagnato da “The Marines”, deliziava con i famosissimi standard:” Blue moon”, “In the mood”, “La Cumparsita”, “La mazurca di Migliavacca”…
Da mezzanotte all’alba quasi, musica latino-americana, caraibica, pop, rock, liscio romagnola, blues, swing, soul e testi gustosi, ironici e, a completamento, la “Quadriglia” comandata dal M° Bruna Orlacchio.
“Cantiam,Cantiam, tutti insieme a festeggiare l’anno nuovo”

Enrico Salzano

* Omaggio al nuovo anno

Torna all'indice