La canzone beneventana

Non è facile trovare il filo colorato che riesce ad unire le tante composizioni nate nel corso di un secolo o quasi. A tanto si aggiunge che tutta la produzione è creata con caratteristiche diverse, che vanno dalla canzone lirica alla drammatica, dalla comica a quella ritmica: da "Core lusingatore" (Rendina — A. Cirillo) a "Era poco più di una bambina" (A. Micco), da "O’ core nun se sbaglia" (L. Celegato — R. Russo) a "Chitarrata" (Marotti — G. De Masi). Si parla, in pratica, di una produzione non omogenea, che si estrinseca con linguaggi diversi, anche se tiene ben saldo un alto grado di parentela, formando così una sola famiglia. E, come in ogni famiglia, figura il più legato alle tradizionalità e chi, invece, si propone come innovatore; c’è il colto e l’istintivo, che però si distingue per la spontaneità. Insomma, una bella famiglia che ha una sua identità, grazie a scambi interni ed esterni e all’incessante dinamismo tra creatività ed adattamento. La riconoscibilità si può notare dalla poesia e dalla melodia. Infatti si parla di melodia e non di musica, altrimenti non si spiegherebbe come mai autori che ignoravano quasi la notazione musicale avessero potuto creare splendide composizioni, come "Nà stella chiagne":
"Notte serena! Vì quanta stelle ‘ncielo!/ Nennella mia, ‘ncantata, ‘e vò cuntà!/ ‘Na stella, piccerella, zennianno,/ pare che chiagne… Qual’anima sarrà?/ -Papà- Me spia ‘a piccerella, triste./ Mmiezz’ e stelle c’è pure mammà!…" (L. Celegato — M. Tavino)
I versi sono necessari nella canzone, ma non sufficienti; infatti bastano quattro strofe prefigurate per essere musicate, il che richiede, però, rime interne, una metrica, scansione in strofe e una propria sonorità mai eccedente. I versi, o poesia, producono quel melos che si rivela a chi, con o senza titoli accademici musicali, è capace di coglierli.
"A canzone, si è ricca o puverella,/ è sempe figlia a ‘o popolo: e pperciò,/ trase o nun trase a S. Pietro a Majella/ vò fa’ o commendo sulo quann’essa vò…/ E vierze? C’e ppò fa’ nu professore/ o n’ommo ca po’ appena cumpità…/ A musica? Ce a fa’ chi tene core,/ o meglio pianefforte ca ce sta…" (E.A. Mario)
Lorenzo Celegato è sempre alla ricerca della parlata beneventana, mentre Edgardo De Rimini scrive da letterato. Dunque ognuno interpreta, secondo la propria sensibilità, l’animo popolare. Ma, anche tra i musicisti figurano coloro che si rifanno alle forme popolari, come Ettore Paragone in "Muori tu… nuje vulimmo campà" su versi di Vincenzo De Masi.
"Carnevale vò murì,/ o’ tavuto ce ‘o faccio io;/ Carnevà, ma si po’ vuò campà,/ te facimmo ‘e lupini abbuffà!/ Je me magno ‘a lasagna, ‘o capretto/ ‘o lacierto, ‘a fellata ‘e presutto./ Po’… si tu vuò murì chimm’à fa’?/ Muori tu!…Nuje vulimmo campà!"
Oggi, però, la gente non vive più la vita di un tempo e non trascorre le serate nelle cantine, né canta più "‘Mbriacammece" (C.Cassese — I.Cammarota). Allora la forma popolare va rivista, attualizzata. Il passato non esiste più ed ecco "Comm’a ‘na vota".
"…E damme n’ata vota/ o’ bbene tuio/ dimme ca vvuò bbene/ sulo a me/ famme sentì/ parole appassionate/ turnamme tutt’e duje/ a vivere e sunnà/ comm’a ‘na vota." (E. Gramazio — G. Anepeta)
La nostalgia… E’ proprio la nostalgia che, combinandosi con la paura del futuro, ispira Edgardo De Rimini ed Alfredo Salzano a comporre, su ritmo di tarantella, la gioiosa "Nennella pacchianella"
"Chitarre…Manduline…/ Cante…Suone…/ Stasera fanno ‘o core arrecrià./ Nennella mia, vestita ‘a pacchianella,/ Stù core, a ditto, l’aggia fa’ ‘mbriacà…/ Dammillo / Nu vasillo…/ …Nun me fa’ cchiù suffrì"
Dunque, la canzone beneventana attraverso luci e buio, amori e dolori, passioni e rancori, affratella tante anime nella musica.

* Omaggio alla canzone beneventana.

Enrico Salzano

Torna all'indice