Il maestro Vincenzo Boniello

Il maestro Vincenzo Boniello con la sua fisarmonica e a destra alcune sue composizioni

"Er Papa nun vò er tango, perchè, spesso, er cavajere spigne e se strufina sopra la panza de la ballerina che, su per giù, se regola lo stesso".
Così il poeta Trilussa in romanesco. Non così "il Poeta" beneventano, Vincenzo Boniello e la sua fisarmonica: tanghi, valzer, polche, mazurche, e musiche di tutti i generi. Erano gli anni ’50.
Vincenzo Boniello classe 1932, nacque in contrada Cubante del Comune di Calvi (Benevento) ed evidenziò, ben presto passione e capacità artistiche per la musica superando, con grande volontà, ogni tipo di ostacolo.
Tanti i chilometri percorsi, con il sole e con la pioggia, con la bicicletta e con la cara fisarmonica a tracolla, per raggiungere la scuola di musica a Benevento, dove conseguì il diploma.
Tra i suoi maestri: Italo Cammarota, suo punto di riferimento. La straordinaria sensibilità artistica emerse in un contesto sociale difficile ma, tanto lo portò prima nel mondo artistico con "La Fisarmonica": "Tango della Gelosia, Rosamunda, Reginella campagnola, Se vuoi goder la vita".
Feste in piazza, serate, matrimoni, furono un ghiotto boccone per gli amanti del genere e, un po’, si cominciò a parlare della brillante voce del suo strumento.
Anni ’60. Il matrimonio con la giovane Elena Leonardis e la successiva numerosa e bella famiglia, rafforzarono, nonostante i continui problemi di lavoro, l’impegno musicale e, sotto il profilo creativo, emersero spiccate capacità di compositore: "Danza Sannita, Briosa polca, Valzer del sabato sera, Mazurca degli innamorati, Mazurca delle quattro note, La Fortorina, Valzer snak, Il vento del Sannio, e Jazz fantasy".
Il genere "folk" divenne "Il liscio". Ma, il nostro fisarmonicista, grazie, ormai, ad una visione completa della musica, suonò anche Kramer. Ricordo: gli arrangiamenti di brani trattati con chiarezza e semplicità e, non vi era possibilità di interpretarli erroneamente "Pippo non lo sa, Mercy beacoup, Ho il cuore in paradiso", ed il pezzo strumentale — virtuosistico "Suona la fisarmonica", internazionalmente noto come "Play the accordion".
Anni ’70. Il maestro Vincenzo Boniello, forte di un bel "pizzo" che lo magnificava, venne immortalato da fini intenditori e scuole di ballo: "Il Re del Liscio" e, i locali pietrelcinesi divennero lo scenario artistico delle sue gesta: maratone di liscio, gare di ballo.
Tanti i riconoscimenti e le premiazioni: medaglia e diploma ad Ancona ed in U.S.A. (Long Island), partecipò quale ospite d’onore nel 67° Anniversario della nascita de la "Pietrelcinese". In televisione, con il magico chitarrista Ninì Pagliuca.
Ricordo: era una bella sera d’agosto, ed in una immensa piazza: "The Marines in concerto" diretto da Pino Salzano. Ad un tratto, mio fratello, mi informò della presenza di "Vincenzo Boniello e la sua fisarmonica" — "Tango appassionato, Kriminal tango, Il valzer delle candele, Polvere di stelle, Tico Tico", in particolari arrangiamenti. Alla fine dell’esibizione, ovazioni ed entusiasmo gratificarono il virtuoso.
Un pergolato che faceva da cielo ed un piatto di prosciutto e melone, ascoltarono le dissertazioni di Vincenzo e Pino sul tema: "La Fisarmonica e le grandi orchestre".
Anni ’80-’90. Un malore impose un periodo di riposo al portentoso Vincenzo ma, che presto superò brillantemente ritornando sulla scena ma, con la fisarmonica diatonica e con un gruppo formato dai suoi amati figli: Fausto — batteria, Wilma — fisarmonica, Giulio — contrabbasso e basso elettrico; mentre, Fausta, diplomata in canto insegna. "Che soddisfazione!"
Tante le collaborazioni con i maestri Italo Cammarota, Raffaele Russo, Cosimo Minicozzi, e con gli strumentisti Pino Tiso, Pino Luongo e Antonio Musco.
IL MAESTRO VINCENZO BONIELLO PROTAGONISTA DELLA MUSICA A BENEVENTO E’ STATO UN COMUNICATORE DI PASSIONI E, I SUOI ALLIEVI, SIANO ESSI RIUSCITI AD EMERGERE O MENO, NON LASCIANO SICURAMENTE A DESIDERARE, SOTTO TUTTI PROFILI; NE SONO CERTO!
*Omaggio al mio amico maestro Giulio Boniello e alla famiglia.

Enrico Salzano

Torna all'indice