Analisi genetica della musica contemporanea


“È importante! È giusto! Stai lavorando bene... Ah se ti potesse vedere tuo padre... il mio Maestro Alfredo Salzano! Continua... Parla di tutti i musicisti... Non dimenticarti dei più piccoli... quelli che non hanno seguito studi regolari come gli orecchianti veri e propri artisti, spesso maltrattati, capacissimi di eseguire non solo la parte melodica ma anche quella armonica. Non ti scoraggiare!!! Io ti seguo!”
Così le accorate raccomandazioni del Maestro Raffaele Russo, scritte di suo pugno, come un testamento. I preziosi incitamenti fortificarono la convinzione che il patrimonio artistico-musicale della Città va tutelato, analizzato e tramandato. Era il mese di ottobre del 2001 allorché pubblicavo sul quattordicinale “BENEVENTO” il primo numero della rubrica: “LA MUSICA A BENEVENTO: I PROTAGONISTI”. Raccolgo frammenti di cultura, incollandoli fino a creare veri e propri paesaggi di lussureggiante vegetazione, tra i quali si intravedono mille volti, tutti tesi al racconto di storie inedite, la cui ambientazione è il palcoscenico ora del teatro, ora del dancing, ora della piazza dove si realizzano melodie complesse o semplici.
Da qualche tempo mi capita di apprendere dagli organi di informazione, di elogi ed encomi vari nei confronti di soggetti che si sarebbero distinti nel campo musicale ed in vari ruoli (artisti,manager, direttori artistici ecc...). Per nostra fortuna a rimettere le cose al loro giusto posto, sta provvedendo il nostro, ormai ben noto concittadino Enrico Salzano (critico musicale e storico) che, con certosina pazienza e non comune competenza scrive, giorno dopo giorno LA VERA STORIA DELLA MUSICA A BENEVENTO (e Provincia) con dotte citazioni su eventi e protagonisti che hanno rappresentato la genesi dell’era musicale moderna della nostra comunità. Trattasi, quindi, di un’opera di inestimabile valore, scevra da falsi ammiccamenti e compiacimenti, destinata a rimanere un unico ed insostituibile documento storico nel settore. Né potevamo aspettarci qualcosa di diverso dalla indiscutibile esperienza di Enrico Salzano figlio d’arte e musicista di lungo corso, unitamente al fratello Pino entrambi ispirati dal papà Alfredo autentico musicista beneventano di prima generazione e da annoverare con pieno diritto, tra quei precursori, di cui è cenno innanzi, che hanno avviato e diffuso la cultura musicale della nostra comunità e dei quali raccogliamo l’eredità”.
Tanto nel 2013 dichiarava alle emittenti radio-televisive e alla stampa, l’avv. Gigi Giuliano, raffinato pianista jazz e compositore, “Premio alla carriera” – ottava edizione. Il chiarissimo prof. Pietro Gargano saggista, stimando il mio lavoro ritiene opportuno inserire nella sua importante Enciclopedia della Musica Napoletana e Campana i meritevoli maestri della città: Cosimo Arturo Zitani, voce; Salvatore Ingaldi, attore comico; Vittorio Micco, chitarra e voce; Luisa Micco, voce; Raffaele Russo, fisarmonicista, “Premio alla carriera” quinta edizione; Silvio Sorgente, alto sassofonista, “Premio alla carriera 2015”; Franco Tucci, fisarmonicista, “Premio alla carriera” prima edizione; Alfredo Salzano senior, clarinettista, alto sassofonista e compositore; Enrico Salzano, batterista e percussionista; Pino Salzano, fisarmonicista e tastierista; Alfredo Salzano, batterista; Giuseppe Marlon Salzano, basso elettrico e voce; Gigi Giuliano, ideatore e organizzatore del BENgio Festival.
L’enciclopedia della musica scritta con documenti, è un atto d’amore anche verso la più autentica espressione popolare.

Enrico Salzano

Torna all'indice