“Regional Tornianti” e mostra ”Symbolo”: Cerreto Sannita capitale della ceramica


Domenica prossima 13 novembre Cerreto Sannita assumerà le sembianze di capitale italiana della Ceramica. Grazie all’iniziativa del vice presidente dell’AiCC (Associazione Italiana Città della Ceramica) Lucio Rubano e dell’assessore alle Attività Produttive del Comune di Cerreto Claudia Meglio, la cittadina in provincia di Benevento ospiterà difatti nella stessa giornata, la terza edizione del “Regional Tornianti” e la mostra “Symbolo” che mette a confronto la creatività di 12 artisti italiani e stranieri. Il programma è particolarmente fitto: si parte alle 9.30 con la gara tecnica che andrà in scena fino alle 13.00 e consiste nella realizzazione del cilindro più alto e della ciotola più larga. Ai due vincitori sarà assegnato un premio di 100 euro. Dalle ore 13,30 alle 15,30 c’è l’interruzione per il pranzo con i partecipanti fissato presso il ristorante “La Vecchia Quercia”. Dalle 15,30 fino a conclusione si svolgerà la gara “Esteta”, a tema libero per consentire ad ogni torniante di esprimere il massimo delle proprie capacità creative, della propria fantasia e professionalità e del proprio estro. La giuria sceglierà, a proprio insindacabile giudizio, tre opere che si distingueranno per originalità delle forme e maestria nell’esecuzione e che riceveranno anch’esse un premio di 100 euro. A tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione, insieme ad  una confezione di vino e di olio offerte, rispettivamente, dalla Cantina Sociale ” La Guardiense” di Guardia Sanframondi e dall’Agrihotel “La Vecchia Quercia” di Cerreto Sannita. Entrambe le gare si svolgeranno nel chiostro del  Palazzo Comunale secondo le consuete modalità e potranno partecipare pure artisti che risiedono al di fuori della regione Campania. Parallelamente, alle 10.30 verrà inaugurata la mostra “Symbolo”, che prende lemosse dalla mostra “Walls – Centro de Arte Palacio Almudi” del 2020 e ne rappresenta, a tutti gli effetti, il continuum spazio-temporale.  aveva una sfumatura politico-sociale, col suo invito a costruire ponti e ad abbattere i muri dell’incomunicabi1ità, “Symbolo” ha una connotazione più socio- antropologica, perché vuole indagare i rapporti tra persone eculture diverse attraverso la ricerca di un dialogo interiore che riesca ad armonizzare“pensieri” e “parole”. Ciascun uomo, nel tempo e in ogni luogo della terra, è andato costantemente alla ricerca di sé stesso e dei segreti della Natura, una ricerca rivolta anchealla loro espressione attraverso l’elaborazione di segni grafici di valore identitario e alcontempo anche universale. Già dall’antichità, con le pitture rupestri e le incisioni sui dolmen e i menhir, l’uomo sentiva il bisogno di “ricordare” e “stratificare” le proprie esperienze, di “registrare” le proprie conoscenze per condividerle e trasmetterle ai posteri. È la necessità di comunicare. Gli artisti di Symbolo interpretano il tema andando oltre l’espressione del linguaggio naturale, che è da intendersi come quello limitato al gruppo sociale che lo condivide, ricercano, invece, un linguaggio ancestrale e universale, secondo un processo di semplificazione capace di ricondurre all’unità l’ambiguità dell’attuale babele linguistica. Gli espositori provengono dalla Campania, dalla Sardegna e dalla Spagna, e la mostra si suddivide in tre sezioni che rappresentano 5 tematiche accomunate dalla ricerca delsimbolo iconografico e universale, il simbolo dei simboli: “Archetipo e Acheologia”, “L’lcona e la Religione”, “Un nuovo Logos”. Ciascun artista interpreterà le 5 tematiche conun’opera ricercando “il senso del segno”, ciascuno con sensibilità personale e col proprio patrimonio di conoscenze, con un occhio puntato verso il futuro e l’altro che guarda alla storia passata. Infatti, come ciascun uomo è costantemente alla ricerca di una propria identità, ciascun artista è alla ricerca del segno grafico universale, di un’immagine archetipica ma anche identitaria della propria arte che sia capace di comunicare sé stesso a tutti. La mostra, già ospitata presso il Museo Archeologico di Cartagena (Spagna), approderà a Cerreto Sannita presso il Chiostro Monumentale del Palazzo Comunale adiacente al Museo della Ceramica e sarà visitabile fino a domenica 4 dicembre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display