Le precisazioni dei vice segretari provinciali del Pd, Fausto Pepe e Pio Canu, dopo l’Assemblea Provinciale dello scorso 7 ottobre

Dichiarazioni del vice segretario provinciale Fausto Pepe

È davvero strano, anzi stucchevole, che dirigenti nazionali del Partito Democratico, in un momento talmente difficile per il Paese, e per lo stesso partito, trovino il tempo e l’interesse di occuparsi unicamente della Federazione di Benevento. 

Tra gli altri, anche Provenzano offre solidarietà ad Antonella Pepe ed è naturale che sia così essendo stato tra i suoi sponsor.

Ciò che lascia basiti è la costante omissione di una indefettibile premessa: l’assemblea Provinciale, costituita da donne e uomini liberi della nostra provincia, all’unanimità ed anche con il voto della Pepe, avevano designato altro candidato. 

Aggiungo, di ben altro radicamento sociale e territoriale.

Capovolgere la verità con tanta cinica disinvoltura ed affermare che le libere, consapevoli e responsabili scelte di un’intera Federazione rappresentino il paradigma di ciò che NON deve essere il rifondato Partito Democratico rappresenta una modesta operazione di marketing comunicativo.

Se le Federazioni territoriali non hanno alcun diritto, se sono chiamate unicamente ad obbedire ciecamente alle volontà di pochi dirigenti centrali, allora siamo dinanzi ad un partito peronista senza Peron.

Quanto ai “capibastone” non so esattamente cosa significhi, io vivo a Benevento, ma Provenzano, che è siciliano, avrà la cortesia di spiegarcelo.

Fausto Pepe 

Vice Segretario Provinciale


Le precisazioni del vice segretario provinciale Pio Canu

Con riferimento alla nota stampa dell’on. Stefano Graziano appare doveroso provare a chiarire alcuni fatti.

È inesatto dire che Umberto Del Basso De Caro «non si sarebbe candidato ritenendo perdente il collegio uninominale di Benevento Caserta». Come è noto, Del Basso De Caro, era stato designato dalle federazioni provinciali di Avellino e Benevento per il corrispondente collegio senatoriale.

Quello di Benevento-Caserta, richiamato dall’on. Graziano, è il collegio uninominale espressione dei territori di Benevento (per il 65%) e dell’Alto Casertano (per il 35%). Collegio rispetto al quale, l’Assemblea provinciale del PD Sannita e tutti i Segretari di Circolo avevano proposto, con voto unanime (incluso quella dell’allora presidente Antonella Pepe), la molto solida candidatura di Angelo Moretti. Candidatura che, successivamente, aveva ottenuto il sostegno degli Alleati della Lista del PD, Demos, e dei partiti della Coalizione, Verdi-Sinistra Italiana.

Inoltre, la stessa Federazione di Caserta, sul cui territorio insiste la parte minoritaria del collegio, aveva condiviso la candidatura proposta dal PD Sannita.

L’indistinta «rosa dei nomi» riguarda, invece, la composizione delle Liste Proporzionali che sono di esclusiva competenza della Direzione Nazionale, come riporta giustamente l’on. Graziano.

Il partito nazionale, con il regolamento del 26 luglio, aveva prioritariamente chiesto di ‘guardare ai territori’, la cui massima espressione sono gli uninominali, per individuare i profili più competitivi nei fondamentali duelli elettorali dei collegi di questo tipo.

Come è noto, la battaglia elettorale si sarebbe consumata sui 221 collegi uninominali (147 della Camera e 74 del Senato). Battaglia che abbiamo sonoramente persoprevalendo in soli 17 territori (12 camera e 5 senato), pari al 7,7% del totale. Un disastro epocale! 

Ciò che è apparso ‘inconsueto ed irrispettoso’ delle unanimi scelte di un partito è stata la sostituzione della candidatura di Moretti nella notte del 16 agosto, avvenuta sull’asse Napoli-Roma. Una sostituzione operata nell’assoluta assenza di motivazioni e di informazioni del partito sannita.

Un’operazione condotta con metodi poco chiari che ha direttamente coinvolto la Garante del PD Sannita la quale, a sua volta, non ha amai avvertito l’esigenza di condividere e di spiegare al partito quanto accaduto. Una spiegazione necessaria anche per sgomberare il campo dei dubbi e delle ‘cattive interpretazioni’ legittimamente emersi nei circoli territoriali che, dopo aver partecipato e condiviso la proposta di candidatura di Moretti, si sono sentiti ‘presi in giro’. Purtroppo, nessuno si è mai degnato di tanto. 

L’altra sera, nel suo intervento, la Garante dell’Assemblea Provinciale ha ripetuto, per ben 27 volte, l’espressione «IO mi sono candidata». In quell’IO, svettante senza remore sul NOI, risiede la motivazione politica di quanto consumato alla Rocca dei Rettori.

Nessun atto tribale ma il semplice rispetto dei ruoli e delle funzioni.

Nessuno ha mai inteso cacciare Antonella né non riconoscere le sue battaglie e il suo valore.

Semplicemente, il 90% dei componenti l’Assemblea (54), sottoscrivendo un chiaro e doveroso documento politico, hanno invitato la Presidente a “fare un passo di lato” perché non più in condizioni di garantire l’imparzialità della funzione visto tutto quanto accaduto.

Il rispetto delle decisioni prese, delle regole che abbiamo tutti scelto di darci e dei territori che si sono espressi non poteva essere occultato e bypassato.

D’altro canto, il Segretario e la Segreteria Provinciale, sino all’ultimo secondo utile, si sono spesi per una soluzione di mediazione che non si è voluta praticare. La presidente ha purtroppo deciso di consumare lo scontro pretendendo la votazione per appello nominale, peraltro condotto dalla presidente medesima, affinché si rappresentasse una ‘cerimonia martirizzante’. Si poteva evitare, semplicemente anteponendo, per una volta, il NOI all’IO. 

Pio Canu

Vice Segretario Provinciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display