Ispezione del Ministero delle Finanze e assunzioni del 2018


La mancata 
separazione della contabilità post dissesto del Comune di Benevento non è un inutile atto formale. Grazie al “fittizio” avanzo di  1.233.894,35 euro riferito al 2017 sono state effettuate anche numerose assunzioni che non avevano la necessaria copertura finanziaria.

I consiglieri comunali di Alternativa per Benevento e di Civico22 nella conferenza stampa del 9 settembre hanno ricordato la sintesi dei sette rilievi delle ispettrici del Ministero delle Finanze al Comune di Benevento, pubblicati da oltre un mese, a cominciare dalla mancata separazione della contabilità post dissesto. 

L’assessora comunale alla Finanze, Maria Carmela Serluca, ha tentato di dimostrare che anche la Corte dei Conti non ha mai considerato obbligatoria la contabilità separata ed ha accusato di strumentalizzazione le opposizioni che a loro volta denunciano la “caduta di stile” dell’amministrazione Mastella. 

Da tale polemica, però, non emerge la gravità sostanziale dei rilievi delle due ispettrici le quali hanno precisato, innanzitutto, che il Comune “non ha effettuato una separazione (seppur non

formale quanto meno sostanziale) delle due contabilità, ma ha mantenuto in bilancio, fino all’intero

esercizio 2018, i residui attivi e passivi di competenza dell’Osl, senza applicare al risultato di

amministrazione appositi accantonamenti correlati alle predette partite creditorie e debitorie ed alle relative movimentazioni

Il Comune non poteva neppure considerare nella sua disponibilità la cassa al 31 dicembre 2016 di € 4.373.962,64 che doveva essere trasferita all’Organo Straordinario di Liquidazione. 

La “confusione” creata dalla mancata separazione dei conti di competenza dell’OSL ha determinato “un risultato di amministrazione alterato secondo le due ispettrici le quali chiariscono, anche con apposite tabelle, che il Comune di Benevento ha approvato un rendiconto del 2017 con un avanzo di amministrazione di € 1.250.377,85 che in realtà era di soli €16.483,50

Questa differenza “fittizia” di + 1.233.894,35 euro ha consentito all’amministrazione Mastella di effettuare nel 2018 spese che in realtà, con i conti a posto, non si potevano fare.

Ad esempio le assunzioni di 17 unità, nonostante il dissesto. 

Infatti il Comune con le delibere di Giunta Comunale n. 31, 179 e 226 del 2018 ha previsto, l’assunzione di n.1 dirigente contabile a tempo indeterminato; n. 1 dirigente tecnico a tempo determinato; n.1 ingegnere; n. 1 architetto; n. 1 avvocato; n. 1 sociologo; n. 3 assistenti sociali; n. 2 specialisti di vigilanza; n. 1 istruttore direttivo per la segreteria del sindaco; n. 3 istruttori amministrativi; n. 3 vigili urbani.

Considerata la dichiarazione di dissesto di gennaio 2017, l’amministrazione Mastella ha chiesto alla Commissione ministeriale per la stabilità finanziaria degli enti locali l’autorizzazione ad effettuare quelle assunzioni assicurando che aveva le necessarie risorse finanziarie.

La predetta Commissione ha autorizzato (note del 3 agosto 2018 e del 12 dicembre 2018) ma è chiaro che senza quel “fittizio” avanzo di € 1.250.377,85 del bilancio consuntivo 2017 una parte di quelle assunzioni non si poteva fare.

Sandra Sandrucci, movimento politico “Altra Benevento è possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display