EIC: Acqua pubblica, gestione privata.

geppinopresta

La seduta del Consiglio Comunale di questa mattina era incentrata su un solo punto all’ordine del giorno, quello relativo alla proroga del servizio idrico, per un anno, alla Gesesa. Gestione che sarebbe dovuta finire il 30 giugno come da contratto.
Per ovviare a questa grave mancanza, l’Amministrazione comunale ha dovuto procedere a proporre una delibera di proroga che, prima di giungere in aula, nell’iter burocratico, ha subito numerosi alt e necessari approfondimenti.
Senza voler entrare nella varie norme in vigore e le illegittimità, evidenziate dai consiglieri di minoranza, ci sono da fare alcune considerazioni.
Il servizio idrico, sul territorio nazionale, ha subito una mini rivoluzione, con l’introduzione degli Ato (Ambito Territoriale Ottimale) che, in Campania, ha visto nascere l’Ente Idrico Campano(EIC) quale gestore territoriale.
Questo ente ha adottato il piano di distribuzione degli Ambiti nei quali il servizio idrico sarà svolto da un gestore individuato tramite gara d’appalto.
La gara di appalto per l’Ambito della provincia di Benevento e numerosi comuni dell’Irpinia non è stata ancora bandita e pertanto la città, in particolare, sarebbe rimasta priva del gestore Gesesa in scadenza il 30 giugno.
Questa in sintesi la situazione burocratica sulla distribuzione dell’acqua in città.
Nell’emiciclo di Palazzo Mosti, destinato al pubblico, alcuni rappresentanti del Comitato Sannita Acqua Bene comune, che ha presentato una richiesta di referendum, sottoscritta da oltre tremila cittadini.
Con loro c’era anche Padre Alex Zanotelli ideatore di quei comitati.
Una presenza per rivendicare “acqua bene comune”.
Cosa significhi quel “comune” non è dato sapere poiche l’acqua e la sua distribuzione territoriale in Campania viene gestita dalla Regione, oggi dall’Ente idrico. Quindi la proprietà è gia pubblica.
Ora però la gestione degli impianti di distribuzione ai consumatori, come sopra evidenziato, prevede l’indizione di una gara di appalto…….a società private……
Allora? “Tanto rumore per nulla”(Shakespeare o Pirandello….libera scelta) 
Come diceva Peppino De Filippo(in arte Pappagone)”……..ho detto tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display