Avviata la VIII Stagione concertistica dell’Orchestra Filarmonica di Benevento con un ricco calendario di manifestazioni

L’Auditorium della Spina Verde a Benevento, la sera del 13 marzo, si è di nuovo riempito di suoni e di pubblico, accorsi numerosi ad ascoltare il concerto inaugurale, denominato non a caso, “Ouverture”,  che si è tenuto domenica alle ore 19,00, diretto dal M° Luigi Piovano, il quale  ha suonato  anche quale violoncello solista con i nostri professionisti.
Un concerto all’insegna del ritorno ad una normalità, che però stenta a  stabilizzarsi, considerate anche le recenti difficoltà legate agli aumenti delle fonti energetiche e alla guerra nella vicina Ucraina. Per essa, in modo particolare, hanno voluto pregare i nostri musicisti. Il M° Piovano, nel ricordare ricordato le parole di S. Agostino, il quale diceva che ”Chi canta, prega due volte”, ha suonato le note di una preghiera ebraica, mentre il pubblico ha accompagnato con un coro a bocca chiusa. 
Introducendo il brano, Piovano ha fatto riferimento alle parole di papa Francesco, pronunciate domenica mattino, durante l’Angelus, con le quali il Pontefice  ha ricordato a noi di avere un’ anima e di doverla alimentare. “Bisogna nutrire l’anima”, ha detto, ed infatti se si tralascia questo aspetto della vita, dimentichiamo la vita stessa, giungendo perfino a disprezzarla, come attualmente sta accadendo.  Papa Francesco ha continuato dicendo che “il canto e la preghiera saranno le armi del futuro. La musica ha da sempre dato speranza”.
Quindi diamo spazio alla musica, ed in questo concerto lo abbiamo fatto, ascoltando le musiche di due grandissimi compositori: Camille Saint –Saens e W.A. Mozart.
Il primo nasce a Parigi nel 1835  e tiene il suo primo concerto pianistico, nel 1846, a soli 11 anni, più tardi nel 1852 vincerà il I° premio, quale compositore. Da quell’anno in poi,  vi saranno le esecuzioni di tutte le sue opere. Da non dimenticare una data in particolare: quella del 1871, anno in cui, sempre a Parigi,  viene fondata da  lui, insieme ad altri compositori francesi, la Societé Nationale de Musique. Essa nacque per promuovere la musica francese, quella cioè dei giovani compositori , che avevano così la possibilità di farla conoscere al grande pubblico.
Nel 1899  Saint- Saens sarà aggregato con Gioacchino Rossini e Arrigo Boito quale membro dell’accademia Filarmonica di Bologna. Nel 1921 terrà ad agosto, pochi mesi prima di morire, il suo ultimo concerto pianistico. Poi, si spegnerà ad Algeri il 16 dicembre dello stesso anno.
Di questo grande maestro, pianista e compositore, abbiamo dunque ascoltato il Concerto n. 1 in La minore per violoncello e orchestra, op. 33, composto nel 1872, dedicato ad Auguste Tolbecque, nei suoi tre movimenti: allegro non troppo, Allegro con moto; Un peu moins vite.
In esso ritroviamo  “sia il  rispetto al lavoro dei maestri del passato, alle forme e alle  tecniche classiche, sia il gusto per la libertà creativa”, così come osserva la critica. Il M° Piovano ci ha ricordato che dopo la prima di questo concerto, salutato da un grande  gradimento del pubblico e della critica, il grande ma umile Saint-Saens festeggiò l’evento, andando a mangiare, semplicemente un gelato.
A noi del pubblico non è rimasto altro che ascoltare queste note ed applaudire , così come abbiamo fatto, con tutto l’entusiasmo possibile, la magnifica esecuzione della nostra Ofb.
Il secondo compositore è stato Mozart, di cui abbiamo ascoltato la sinfonia n. 31 ,K 297 in Re maggiore, composta anch’essa a Parigi, nel 1778, costituita da tre movimenti : Allegro assai; Andantino e Allegro.
Il fanciullo prodigio, quando la scrisse, aveva allora 22 anni e si era recato a Parigi nella speranza di ottenere un’occupazione migliore, rispetto a quella che aveva, quale musicista di corte, a Salisburgo. Il concerto sarà eseguito nel 1783 a Vienna e da lì ebbe una notevole diffusione. 
Dello stesso, i nostri professori ci hanno regalato un bis del terzo movimento, cioè dell’Allegro, che hanno eseguito senza la direzione del M° Piovano, il quale ci ha comunicato che i professori dell’OFb lo conoscevano a memoria, e pertanto, prima si è detto sicuro che potevano eseguirlo senza il suo aiuto, e poi si è complimentato con loro per il risultato realizzato, veramente eccellente.
Possiamo, dunque, essere fieri della nostra orchestra che sta raccogliendo tanti successi e che ci terrà compagnia con un programma, ricco di altri otto appuntamenti, così distribuiti:
I concerti di Casa Rummo
ArchiSonanti
Sabato 23 aprile  alle ore 19,30 presso l’Auditorium  Spina Verde,
1.  Sibelius – Impromptu per archi, op. 5
2. A. Mozart – Concerto per violino in re maggiore K218
3.  Suk – Serenade per archi,op.6
Vlad Stanculeasa, sarà violino solista e concertatore.

Green Fantasy
domenica 15 maggio 2022 ore 19:00 – Auditorium Spina Verde

mer 18 maggio 2022 ore 20:45 – Milano – Sala Verdi
1. Glazunov – Concerto in mi b maggiore per sax ed archi, op. 109
P. Ratti – Green Fantasy per 7 piante, sax e orchestra , quale  prima assoluta
2. W. A. Mozart – Sinfonia n. 40 in sol minore K 550
Jacopo Taddei al sassofono e Matthieus Mantanus, direttore

Gala lirico
I cantanti del corso di alto perfezionamento con Rosa Feola e Sergio Vitale
domenica 12 giugno 2022 ore 20:30 – Teatro Romano di Benevento
Rosa Feola, soprano
Sergio Vitale, baritono
Michele Spotti, direttore

Serata balletto
Chopin
domenica 10 luglio 2022 ore 20:30 – Teatro romano di Benevento
– Chopin – Concerto per pianoforte ed orchestra n. 2, op. 21ed altri brani di F. Chopin
Giulia Falzarano, pianoforte
AnbetaToromani, ballerina solista
Odette Marucci, ballerina solista
Alessandro Macario, ballerino solista

I concerti di casa Rummo
Promenade
martedì 26 luglio 2022 ore 20:30 – Teatro Romano di Benevento
1. I. Tchaikovsky – Concerto per violino ed orchestra in re maggiore, op. 35
E.Mottola –Sincerely yours Prima assoluta
2. M. Musorgskij– Quadri di un’esposizione
Giuseppe Gibboni, violino Alessandro Bonato , direttore

Concerto di chiusura del BCT Music Festival
Oltre il cinema

Lunedì 1 agosto 2022 orario da definire – Teatro Romano di Benevento
-Piovani, concerto per clarinetto ed orchestra Cyberknife,  prima assoluta e suite sinfoniche tratte dalle colonne sonore dei film.  Nicola Piovani, direttore. Alessandro Carbonare, clarinetto

Omaggio a Lucio Dalla
Let’s jazz-sabato 3 settembre 2022 ore 20:30 – Teatro Romano di Benevento.Luca Aquino, tromba.Raffaele Tiseo, direttore ed arrangiatore

Cadenza sospesa
Domenica  18 settembreore 19:00- Auditorium Spina Verde
1. Strauss, Metamorphosen Elgar, Serenata per archi, op. 20.David Romano, violino solista e concertatore.
Nella nuova Stagione concertistica 2022, l’Orchestra Filarmonica di Benevento, con la guida  del direttore artistico M° Beatrice Rana, così come ha detto la stessa,  offrirà anche: ”un corso di alto perfezionamento dedicato ai giovani cantanti lirici con Rosa Feola e Sergio Vitale che saranno anche protagonisti, insieme agli allievi, del concerto finale a giugno; la prosecuzione della felice collaborazione con il pastificio Rummo,  che si sostanzia in due Concerti di casa Rummo, ad aprile e a luglio; la prestigiosa trasferta di maggio a Milano per la Fondazione Società dei Concerti in occasione della quale verrà eseguita la composizione di P. Ratti Green fantasy per 7 piante, sax ed orchestra, quale risultato di un progetto di ricerca patrocinato dal Ministero della transizione ecologica e dall’Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste, per sensibilizzare ed educare il pubblico al rispetto del patrimonio naturale del nostro pianeta attraverso l’arte, tenendo presente gli obiettivi definiti dall’ONU nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile; la cooperazione ormai consolidata con il festival BCT, attraverso la quale si concretizza il concerto finale del BCT Music Festival di agosto con la prima esecuzione del concerto per clarinetto ed orchestra di Nicola Piovani “Cyberknife”, affidato al clarinetto solista di Alessandro Carbonare; la presenza del Premio Paganini Giuseppe Gibboni che eseguirà il concerto per violino ed orchestra di P. I. Tchaikovsky; la partecipazione della compagnia Balletto di Benevento nella serata estiva dedicata alla musica di Chopin, con la giovanissima pianista sannita Giulia Falzarano. 
Notevolmente caratterizzanti saranno le tre prime esecuzioni assolute di brani che portano la firma, rispettivamente, di Piergiorgio Ratti, Emilio Mottola e Nicola Piovani, che realizzano così un ruolo di pionieristica sperimentatrice delle forme, dei linguaggi e delle possibilità che la musica può ancora offrire nel 2022, sempre in costante sinergia con il territorio di provenienza.
«È un grande piacere – scrive Beatrice Rana – potervi raccontare la Stagione 2022 dell’OFB. L’anno 2021 ha rappresentato un anno di grandi svolte per l’orchestra: per la prima volta nella sua storia. L’OFB ha una casa, inaugurata lo scorso novembre, e solo qualche settimana dopo si sono svolte le audizioni per rinnovare l’organico dell’orchestra e arricchirlo di giovani di talento provenienti da tutta Italia. 
La Stagione 2022 sarà ricca di appuntamenti con nomi di chiara fama (Rosa Feola, Alessandro Carbonare, Nicola Piovani) che si affiancano a nomi di talenti emergenti (Giuseppe Gibboni, recentissimo vincitore del Paganini, Alessandro Bonato, Michele Spotti). Sono molto contenta di rinnovare le collaborazioni che hanno già fatto parte della storia dell’OFB come quella con il BCT, la compagnia Balletto di Benevento e la Rummo, e di annunciare il nuovo progetto Opera Studio,oltre all’ospitalità, per la prima volta, in una sala così importante come quella de “La Verdi” di Milano. Mi auguro di vedere concerti, e soprattutto quelli nel nuovo auditorium dell’orchestra, pieni di pubblico di Benevento. Un tripudio – dunque – di musica, stili, forme, autori, esecutori ».
Questa ottava Stagione dell’OFB è realizzata con il contributo del Ministero della Cultura e della Regione Campania, quello morale del Comune e della Provincia di Benevento ed,  in partnership, con l’Università degli Studi del Sannio.
I biglietti potranno essere acquistati presso  il Café Le Trou, in Corso Garibaldi, a Benevento, al costo di 20€ (biglietto intero), 15€ (ridotto studenti), 10€ (ridotto bambini 6-13 anni), oppure on line, al sito www.ofbn.it. Per l’accesso all’evento è richiesto il Green pass. 
Attendiamo dunque l’esecuzione del prossimo concerto.
Maria Varricchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display