Trafugata l’opera del Maestro Antonio Del Donno presso la Fondazione Policlinico Agostino Gemelli

Costanzo Alessandrini, responsabile della Sicurezza Interna, ex  vice comandante della Gendarmeria del Vaticano, incaricato dal Gemelli per la Sicurezza e Vigilanza del Policlinico ha portato a   conoscenza del Luogotenente Ciro Perna, il furto dell’opera del Maestro beneventano Antonio Del Donno.
Il reverendissimo Don Nunzio Currao, Cappellano del Policlinico Gemelli, ha richiesto la presenza di personale dell’Ufficio di Vigilanza nella Cappella San Giuseppe Moscati, al terzo piano ala B dell’ospedale, per comunicare la scomparsa di un Vangelo, opera donata alla fine dell’anno scorso dall’autore Antonio Del Donno alla Fondazione Policlinico Agostino Gemelli, segnatamente al personale sanitario, a titolo di gratitudine per l’apprezzato servizio reso durante l’emergenza pandemica.   
L’opera, esposta alla pubblica fede su un leggio, era posizionata lateralmente sulla parete destra guardando l’altare centrale. 
Ad avvedersi della sparizione è stato lo stesso cappellano, dopo aver aperto la cappella. Essendo trascorse le 24 ore a nulla è valso esaminare le immagini registrate da una telecamera posizionata in chiesa.
L’Archivio Del Donno è stato informato stamattina alle ore 7:30 e si è provveduto immediatamente a trasmettere il tutto al competente Reparto dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale.
Intanto l’Archivio avvisa tutti i collezionisti e gli amanti dell’opera del Maestro affinché possano segnalare eventuali tentativi di vendita, tenuto conto che l’acquisto illecito dell’opera d’arte sarebbe a fondo perduto in quanto segnalata al competente Reparto delle forze dell’Ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display