Pozzi contaminati: “Altrabenevento” chiede la chiusura anche di quelli di Pezzapiana

Chiuso il pozzo di Campo Mazzoni che ha fornito acqua contaminata e non potabile per la presenza di tetracloroetilene oltre i limiti di legge. Altrabenevento -con una nota firmata dal presidente Sandra Sandrucci – chiede alla Procura della Repubblica di sequestrare e chiudere anche i pozzi di Pezzapiana che pescano nella stessa falda per tutelare  la salute dei cittadini dei rioni Ferrovia, Libertà e Centro Storico.    

La Gesesa ha comunicato di aver chiuso il pozzo di Campo Mazzoni per la presenza di 47,4 microgrammi/litro di tetracloroetilene, un valore altissimo pari a 40 volte la soglia di contaminazione (1,1 microgrammi/litro) e quasi cinque volte la soglia di potabilità (10 microgrammi/litro).
Da novembre 2018 Altrabenevento e il Comitato Qualità dell’Acqua hanno chiesto ripetutamente di chiudere i pozzi che forniscono acqua alla parte bassa della città per l’accertata presenza del pericoloso inquinante ma i dirigenti della Gesesa e il sindaco Mastella hanno sempre ribadito che l’acqua era ottima e perfettamente potabile. 
Un anno fa, un’industria del rione Ferrovia ha chiuso il pozzo utilizzato per le produzioni alimentari per la presenza di 2,4 microgrammi/litro di tetracloroetilene ma l’acqua con la stessa concentrazione di inquinante è stata fornita agli abitanti dei rioni Ferrovia, Libertà e Centro storico anche per bere, preparare dolci, fare la pasta in casa, lavare gli alimenti e cucinare. 
Adesso Gesesa e Comune di Benevento sono stati costretti a chiudere Campo Mazzoni ma non hanno chiarito per quanto tempo la popolazione della parte bassa ha dovuto bere acqua contaminata e non potabile e soprattutto non spiegano perché rimangono in funzione i pozzi di Pezzapiana che pescano nella stessa falda contaminata e continuano a fornire acqua agli abitanti dei rioni popolari.
Altrabenevento chiede alla Procura della Repubblica di sequestrare e chiudere tutti i pozzi, pubblici e privati, che pescano nella falda sotto la città per tutelare la salute pubblica.
Altrabenevento, la presidente Sandra Sandrucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display