Paduli: polverone mediatico sull’improvvida omelia di don Francesco Collarile

La parrocchia San Bartolomeo Apostolo di Paduli alla ribalta locale e nazionale dopo le intemperanze verbali di don Francesco Collarile durante l’omelia della messa di sabato 23 gennaio 2021. Contrariamente a quanto lasciato intendere da alcune testate giornalistiche, soprattutto nazionali, nei loro titoli (Repubblica.it), don Francesco Collarile non è il parroco di Paduli. Sostituiva per l’occasione il titolare don Enrico Francesco Iuliano, estraneo quindi a quanto accaduto. Don Francesco Collarile è invece, dal settembre 2020, parroco di Santa Maria Maggiore a Sant’Arcangelo Trimonte.
La dichiarazione shock di don Francesco Collarile: «Voi credete ancora nella scienza. Voi pensate che questi che stanno inventando questi vaccini lo fanno per il vostro bene… e credete ancor di più che dopo che vi hanno iniettato quel poco di porcheria, fatta anche con gli aborti, pensate ancora che non potete più morire. Eppure, è realtà, è sui giornali, che un uomo, nonostante il vaccino il giorno prima […] è morto d’infarto. Lui pensava che si era salvato, il giorno dopo lo hanno messo nella bara».
Il sindaco di Paduli, Domenico Vessichelli, è intervenuto nella temperie: «È stato sicuramente avventato, voglio sperare che si sia espresso male e che il suo intento fosse quello di esprimere altro».  Don Francesco Collarile intervenendo in seguito sul suo profilo Facebook ha cercato di chiarire: «Chi ha ritagliato questo pezzo ha omesso tutto il discorso precedente». Fatto sta che proprio chi ha udito anche il discorso precedente non l’ha presa per niente bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *