S.Lorenzo Maggiore: intercettati e braccati dai Carabinieri i componenti di una banda di ladri e rapinatori

Ha dato i suoi frutti l’imponente dispositivo messo in campo dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Benevento e finalizzato a contrastare la recente recrudescenza di furti e rapine in abitazione, che ha visto l’impegno di 30 pattuglie dislocate su tutto il territorio e coordinate dalle Centrali Operative. L’iniziativa, concordata in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, e condivisa con le altre Forze dell’Ordine, ha previsto il concentramento dei servizi preventivi soprattutto nelle fasce orarie e nelle zone che in questi ultimi giorni sono stati maggiormente colpite da questo fenomeno criminoso, che come sempre genera senso di insicurezza tra i cittadini, soprattutto in coloro che risiedono in zone isolate del territorio. 
Proprio grazie alla collaborazione di coraggiosi cittadini,  la scorsa notte, i militari dell’Arma sono riusciti ad intercettare prima e poi a braccare per tutta la notte una banda di criminali, ritenuta responsabile degli ultimi “colpi” messi a segno recentemente. I malviventi infatti, sono stati costretti dapprima ad abbandonare l’autovettura, una BMW di grossa cilindrata, oggetto di furto qualche mese fa in provincia dell’Aquila, per poi darsi alla fuga a bordo di una Fiat Panda, anche questa derubata dall’interno di un’abitazione di San Lorenzo Maggiore. Pochi minuti dopo, la banda è stata nuovamente intercettata dai militari dell’Arma, e costretta, dopo un breve inseguimento e uno speronamento, ad abbandonare l’auto per darsi alla fuga a piedi nelle campagne circostanti, sfruttando l’oscurità. Le ricerche, diramate alle altre pattuglie confluite in zona e continuate durante tutta la notte, sono rimaste per ora senza esito, ma l’azione ha consentito di recuperare i due veicoli rubati, a bordo dei quali sono stati rinvenuti abiti e vari arnesi utilizzati per lo scasso, ed impedire la consumazione di ulteriori furti in abitazione. 
Sono in corso i rilievi del caso su tutto il materiale sequestrato, al fine di fornire utili elementi alle indagini per risalire all’identità dei fuggitivi. 
Questa circostanza dimostra ancora una volta l’importanza della stretta e assidua collaborazione tra le Forze dell’Ordine e i gli onesti cittadini, ed è stata l’ennesima prova che, anche grazie alla sua distribuzione capillare sul territorio, l’Arma dei Carabinieri è in grado di intervenire tempestivamente se altrettanto tempestivamente attivata tramite il 112. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display