Ecobonus e sismbonus: l’Ance ricorda di non fidarsi dei millantatori

ANCE Benevento, rafforzando l’appello del sistema nazionale, ribadisce la necessità di affidarsi a professionisti  di comprovata professionalità per la presentazione di pratiche su eco e sisma bonus potenziati previsti dal DL Rilancio –  sottolinea il Presidente di ANCE Benevento Mario Ferraro (nella foto) -. Così come più volte evidenziato, per la fruizione dei nuovi ecobonus e sisma bonus potenziati al 110%  sarà fondamentale  il ruolo di banche e professionisti dell’area tecnica. Mentre per il ruolo delle prime dovremo attendere la conversione in legge del Decreto Rilancio e le linee guida che definiranno le modalità di cessione del credito e che con ogni probabilità le banche emaneranno entro l’1 luglio 2020, conosciamo già il ruolo dei professionisti dell’area tecnica. Di qui la necessità di assicurare qualità tecnica e professionalità dei consulenti”; così come sarà importante scegliere imprese certificate e che abbiano comprovata esperienza in interventi di riqualificazione energetica e sicurezza sismica. Ricordiamo che gli interventi dovranno:
– rispettare i requisiti minimi previsti dai decreti di cui al comma 3-ter dell’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63;
– assicurare, anche congiuntamente agli interventi di installazione di impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio o, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (A.P.E), ante e post intervento, rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata.
“Assistiamo sempre più di frequente – ricorda il Presidente di ANCE Benevento Mario Ferraro, alla situazione in cui tecnici non qualificati propongono la propria consulenza senza possedere le certificazioni necessarie con conseguenze irreparabili sia sui risultati dell’intervento che sulla possibilità di perdere il beneficio. Nel dettaglio, la normativa del sisma bonus prevede che i progettisti degli interventi debbano asseverare  la classe di rischio dell’edificio precedente. Il direttore dei lavori e il collaudatore statico, ove nominato per legge, all’atto dell’ultimazione dei lavori strutturali e del collaudo, attestano, per quanto di rispettiva competenza, la conformità degli interventi eseguiti al progetto depositato, come asseverato dal progettista. Solo attraverso il rispetto delle procedure e dei singoli passaggi previsti dalla legge sarà realmente possibile ottenere il beneficio spettante ed avere la garanzia che gli edifici rispettino i requisiti di legge. Ricordo a tutti che chi sbaglia rischia di perdere gli incentivi e di pagare di tasca propria.
Al fine di  dare la massima garanzia alle imprese, Ance Benevento ha dato vita allo sportello eco e sisma bonus, operativo da maggio 2019, che si avvale di 4 tecnici qualificati ed esperti sia per la parte progettuale che finanziaria ed economica (Ing. Giuseppe De Cicco, Ing. Elena Maiorani, Ing. Maddalena Uccelli, Ing. Giovanni Giuseppe Cocchiaro), ha realizzato più di 180 incontri in associazione con privati, tecnici, imprese e amministratori di condominio. Un servizio a disposizione dell’intera comunità per avere informazioni correte e consulenza sull’intero iter degli interventi, per cogliere tutte le opportunità legati ai Bonus in edilizia (Sisma bonus, Eco bonus, Ristrutturazione edilizia, Bonus Facciate)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *