Integrazione pensioni in Campania: la Regione risponde al Movimento Italiano Disabili

Il coordinatore regionale del Movimento Italiano Disabili, Giovanni Esposito (nella foto), ci comunica che la Regione Campania, attraverso l’assessore Fortini, risponde alla richiesta chiarimenti  sui provvedimenti adottati con appositi decreti e/o annunciati dal Governo Nazionale e soprattutto quello Regionale della Campania, in merito all’emergenza Covid – 19, riguardante l’annuncio di un imminente aumento di tutte le pensioni minime al tetto massimo di 1000 euro per due mesi. 
Questa la risposta:

Gentilissimi,
in riscontro alla richiesta di chiarimento pervenuta lunedì 18 maggio scorso, si rappresenta che la Giunta regionale della Campania, ad integrazione di quelle governative, ha adottato diverse misure di contrasto e di contenimento del diffondersi del virus COVID-19, con l’obiettivo di assicurare sostegno alle imprese e alle famiglie.
Con la Deliberazione n 170 del 7 aprile 2020, ha approvato un piano emergenziale, finanziato dal concorso tra le risorse provenienti dai diversi programmi e fondi comunitari, nazionali e regionali gestiti dalla Regione Campania, al cui interno, tra le “Misure di sostegno per le Politiche Sociali”, è contemplata la misura denominata “Interventi a sostegno di persone in stato di difficoltà” che prevede a favore di tutti i pensionati titolari di pensioni sociali, assegni sociali e pensioni ordinarie di vecchiaia integrate al minimo, che percepiscono dall’INPS un importo inferiore a € 1.000,00 mensili, l’erogazione, da parte della Regione Campania, di un contributo straordinario fino a concorrenza dei predetti € 1.000,00 mensili, per due mensilità.
Tale misura, per la quale risultano stanziate risorse pari a € 331.067.557,00, è destinata a soggetti fragili sia per età sia per reddito, ed è finalizzata all’acquisto di servizi a domicilio per la salute, per l’alimentazione, per l’igiene e la cura e similari, al fine fronteggiare al periodo emergenziale in corso.
La Giunta Regionale, con la Deliberazione n. 197 del 21 aprile 2020, ha stabilito per esigenze di celerità che il pagamento agli aventi diritto sarà effettuato a cura di Poste Italiane SpA.
I destinatari della misura, individuati da INPS, sono i pensionati titolari di “pensioni sociali”, “assegni sociali” e “pensioni di vecchiaia” integrate al trattamento minimo e di trattamenti ad essi equiparati, quali i trattamenti di invalidità previdenziale, integrati al trattamento minimo, che siano residenti in Regione Campania e che percepiscano dall’INPS un assegno che, incluse le ulteriori rendite e prestazioni (maggiorazioni sociali, pensioni previdenziali e assistenziali erogate da INPS o da altri enti iscritti nel Casellario Centrale delle Pensioni, pro rata estero, rendite INAIL, trattamenti di famiglia, pensione di cittadinanza, reddito di cittadinanza, altre prestazioni registrate nel Casellario dell’Assistenza) sia inferiore a euro 1.000,00 mensili.
Cordiali saluti.
La Segreteria

Il Coordinamento Campania del Movimento Italiano Disabili ringrazia pertanto l’Assessore Fortini per la cortese risposta, ma sollecita altresì il suo assessorato  ad attivarsi maggiormente a stanziare più fondi per venir incontro ai bisogni dei diversamente abili e delle loro famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *