I giallorossi liquidano l’ostico Crotone e spiccano il volo in classifica

Il Benevento vola. Batte al Vigorito il Crotone, secondo in classifica prima della gara, e si porta a sei punti di vantaggio sulla nuova seconda, un sorprendente Pordenone.
Una gara quella contro i calabresi accorta ed attenta, aperta subito a favore dei padroni di casa con un rigore messo da segno da Viola. Lo stesso giocatore aveva subito un fallo di Crociata in piena area. L’arbitro della gara, il sig. Forneau, non aveva dubbi e fischiava la massima punizione. Si era al 9′ dall’inizio e nel carniere giallorosso vi era anche una traversa colpita solo un minuto prima da Insigne.
Timida la reazione dei rossoblu, che comunque prendevano l’iniziativa, alzando il baricentro della manovra con Mazzotta e Molina.
Era comunque il Benevento a sfiorare il raddoppio, prima con Coda e poi con una occasionissima in contropiede, capitata a Letizia. Montipò non si fa sorprendere su alcune conclusioni degli attaccanti avversari. Al 42’ invece è ancora Coda a calciare a lato mentre aveva davanti il solo Cordaz.
Nella ripresa ancora un’occasione per Insigne, tutto solo davanti al portiere avversario, ma manca la conclusione e si fa anticipare da Spolli. Dopo sei minuti l’attaccante napoletano viene richiamato da Inzaghi in panchina, gli subentra Tello.
Il peperino giallorosso si mette subito in evidenza mancando di poco un assist di Coda per un fortunato anticipo di Gigliotti. Al 66′ Inzaghi opta per la seconda sostituzione. Entra Armenteros per un evanescente Sau. Al 72′ è invece Schiattarela a far posto in campo a Improta.
Al 78′ occasionissima per il Crotone. Letizia effettua un rinvio, in piena area giallorossa, che incoccia sulle gambe di Mustacchio: un vero e proprio assist diventa un tiro in porta. Ma tra lo stupore di tutti finisce di pochissimo a lato sul secondo palo.
Poi alla ribalta Montipò che in pochissimi minuti deve intervenire in almeno tre occasioni importanti. Occasioni interrotte dalla più grossa e favorevole opportunità capitata a Coda. Lancio di Maggio per l’attaccante che si invola ritrovandosi solo davanti al portiere avversario che disteso a terra riesce a neutralizzare respingendolo il pallone malamente colpito dal centravanti. Altra occasione per Armenteros che, solo davanti a Cordaz,  tarda la conclusione e viene anticipato da Spolli.
Al 94′ l’apoteosi con un gol da manovra giallorossa con la difesa calabra trovata spiazzata. Tello pesca dall’altra parte del campo Improta che dopo due passi beffa Cordaz.
E’ il  2 a 0 finale. Un risultato che alla fine sta stretto ai padroni di casa.
Sicuramente tra le generali sufficienze ancora una volta da elogiare l’impegno di Montipò, Letizia, Maggio e Viola. Con la loro prestazione hanno dato vita ad una gara intensa e di spessore. Sicuramente non in palla proprio Insigne e Sau. Per Coda c’è da dire solo che la squadra non gioca per lui (palle alte, mai un cross dal fondo), ma è lui che gioca per la squadra.
Ora la trasferta di Venezia: sabato 30 novembre alle 15 per continuare a volare. (g.b.)

I RISULTATI DELLA XIII GIORNATA DI ANDATA
Pescara – Cremonese 1-1
Benevento – Crotone 2-0
Juve Sabia – Salernitana 2-0
Livorno – Trapani 1-2
Pordenone – Perugia 3-0
Empoli – Venezia 1-1
Ascoli – Cosenza 3-2
Cittadella – Pisa 1-1
Spezia – Frosinone 2-0
Chievo – Entella 2-1

LA CLASSIFICA
Benevento, punti 28; Pordenone, 22; Crotone, Cittadella, Chievo, 21; Pescara, Ascoli, 20; Perugia, 19; Empoli, Salernitana, 18; Pisa, Frosinone, Venezia, 17; Entella, Cremonese, 16; Spezia, 15; Juve Stabia, 14, Cosenza, 12, Livorno, Trapani, 10

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *