L’osservatorio: fiamme e fuoco a Palazzo Mosti

La seduta consiliare di lunedì sera a Palazzo di città era stata presentata come “calda” per il punto relativo al “bilancio consolidato”.Quanto sia consolidato quello strumento contabile non è dato sapere poiché a palazzo Mosti l’Ufficio preposto va avanti al massimo con un foglio elettronico.
Di contabilità informatizzata, neanche a parlarne nella struttura comunale. L’era del pc, sembra mai essere apparsa all’orizzonte e quindi si va ancora avanti a penna, calamaio e carta assorbente.
Non entro nel merito del perché, poiché da oltre dieci anni sto lottando con i vari assessori susseguitisi con quella delega alle finanze, che mai hanno proposto seriamente l’informatizzazione.
Se fosse stato così tutti i conti delle partecipate sarebbero stati palesi ed evidenziati, correlati con uno strumento che alla fine di consolidato ha poco o nulla, avendo appunto un baratro da colmare. Per la qualcosa i Revisori dei conti hanno indicato anche una data: il prossimo 31 dicembre.Data perentoria…? forse l’ennesimo per…nacchio alla Eduardo.
Questa è stata una parte, poiché si è assistito anche ad un conflitto, non già tra politica e burocrazia, ma tra gli stessi attori che amministrano la città. Sì, perché la politica indica la struttura che “dovrebbe eseguire” secondo la Legge Biondi. La struttura invece ieri sera, si è accertato, spesso scavalca ed a volte va oltre la legalità.Non credo che sia il primo caso, ma la vicenda “assunzioni”, definite illegittime dal Segretario comunale, assume carattere di ufficialità.Non entro nel dettaglio ma ho sempre sostenuto che lo spoil system americano è il più democratico strumento burocratico. La politica si porta appresso il tecnico di cui si fida. Ma alla fine mi chiedo, a parte la illegalità dell’atto, ma il comportamento del Dirigente?
E dire che i vertici della burocrazia di Palazzo Mosti stanno facendo i diavoli a quattro per le basse valutazione avute dal Nucleo di valutazione…
geppino presta

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *