I giallorossi liquidano anche l’Empoli e continuano nella loro fuga solitaria

Nelle due gare casalinghe, che questo scorcio di campionato riservava al Benevento, la squadra fa bottino pieno. Due reti alla Cremonese e due all’Empoli permettono ai giallorossi di capitan Maggio di incamerare sei punti con un più cinque sulla seconda in classifica, il Perugia vittorioso a Crotone.
Contro i toscani domenica sera, in una giornata quasi invernale, la squadra mette su un primo tempo da favola. In 25 minuti chiudono la pratica Empoli con una rete di Tuia al 15′ con un magnifico calcio d’angolo battuto da Kragl, al quale il difensore giallorosso dà un colpo di testa che sorprende Brignoli. Dieci  minuti dopo, 25′, è lo stesso Kragl, servito alla perfezione da capitan Maggio a dare potenza ad un pallone da fuori area che il portiere avversario vede solo passare e finire in rete.
Un primo tempo tutto di marca giallorossa che esalta tutta la squadra. Caldirola viene chiamato in causa solo al 35′ su Laribi, che sfrutta un retropassaggio di un difensore non perfetto. Poi in chiusura di tempo ci prova Maggio a mettere la firma su di un eurogol. Il capitano vede Brignoli fuori dai pali e cerca la rete. Solo un portentoso rientro del portiere toscano evita la terza rete.
Al rientro però il Benevento cede il pallino del gioco all’avversario che comunque mai si presenta davanti a Montipò mettendo pericoli alla sua rete.
Anzi è Coda a divorarsi la terza rete in una delle rarissime occasioni che capitano agli attaccanti trovandosi di fronte, soli, davanti al portiere avversario. Il centravanti giallorosso sparacchia su Brignoli che salva in angolo.
I cambi di Inzaghi sono stati tutti e tre: al 67′ Sau (sotto tono) per Insigne, un esausto Schiattarella per Hetemaj ed infine all’82’ Antej per Tello.
Una parola sull’arbitro è d’uopo. Era la bestia nera dei giallorossi, ma soprattutto dal cartellino rosso facile. La gara combattuta, ma agonisticamente perfetta, l’ha diretta senza troppo impegnarsi. Ha tirato fuori solo un cartellino giallo su di un fallo di Letizia. E forse questa gara sarà un record per l’arbitro genovese.
Ora il Benevento viaggia con cinque punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice, il Perugia, che sembra essere, a questo punto del campionato un’avversaria diretta. Il Crotone annaspa, l’Empoli di Bucchi si è fermato al Vigorito, ma aveva già dato alcuni segni di cedimento prima a Trapani e poi in casa con lo Spezia.
Il Benevento è atteso invece sabato 9 alle ore 15 in quel di Castellamare di Stabia. La squadra naviga terzultima in classifica ma questa posizione non deve incidere più di tanto sulla concentrazione nell’affrontare quella partita. Il campionato è lungo e bisogna mettere quanti più punti in classifica è possibile. (g.b.)

I RISULTATI DELLA XI GIORNATA DI ANDATA
Spezia – Chievo 0-0
Ascoli – Venezia 1-1
Crotone – Perugia 2-3
Livorno – Juve Stabia 2-1
Pescara – Pisa 3-0
Salernitana – Entella 2-1
Cittadella – Frosinone 0-0
Pordenone – Trapani 2-1
Benevento – Empoli 2-0
Cosenza – Cremonese 2-0

LA CLASSIFICA
Benevento, punti 24; Perugia, 19; Crotone, Chievo, Pordenone, Salernitana, 18; Ascoli, Empoli, Cittadella, 17; Pescara, 16; Entella, 15; Frosinone, 14; Pisa, Venezia, 13; Cosenza, 11; Spezia, Cremonese, 12; Livorno, Juve Stabia, 10; Trapani, 6

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *