I giallorossi restano in vetta alla classifica dopo il passo falso della Salernitana

Il Benevento in terra ligure agguanta la quarta vittoria in questo campionato e raggiunge la vetta della classifica.
Una gara quella degli azzurrini non certamente bella. Un gioco farraginoso, spesso fermato per qualche calcio di troppo. Ed a farne la spese capitan Maggio che dopo soli tre minuti finiva sull’elenco dei cattivi. Quel cartellino giallo gli costerà a pochi minuti dell’entrata nel secondo tempo un secondo e l’espulsione.
Un primo tempo con l’alternarsi delle fasi di gioco dall’una all’altra parte; Inzaghi risolveva il dilemma all’attacco schierando Insigne e Coda e lasciando in panchina Armenteros. Coda si presenta davanti a Scuffet (in procinto di far ritorno ad Udine) ma viene anticipato: era il 15’ del primo tempo. Al 25’ l’attaccante giallorosso finisce in area ma c’era un precedente fuorigioco.  In questa fase è più presente il Benevento ma senza creare situazioni gravi per la difesa dei liguri.
Al 30’ sinistro di Viola a lato e poi al 37’ incursione di Coda dalla trequarti che viene interrotta dalla difesa avversaria. Alla ripresa il Benevento si presenta con Armenteros al posto di Improta, ma la situazione tecnico tattica della gara non cambia. Montipò è chiamato in causa al 53’ da un tiro di Bartolomei. Al 56’ una doppia occasione nelle due aree: prima Coda e poi  Gyasi hanno una buona occasione sventata in entrambi i casi dalla difesa.
Al 61’ super parata di Montipò su conclusione di Bidaoui che respinge il pallone e Gyasi fallisce il tap-in.
Al 73’ fuori Kragl e dentro Tello  che all’83’ si vede annullare un tiro di destro finito in rete per un precedente fuorigioco. Ma il giocatore si rifà pochi minuti dopo (87’) e di testa prolunga un lungo lancio di Tuia (entrato al posto di Antei due minuti prima) beffando Scuffet. La reazione avversaria con un tiro di Bartolomei che finisce alto. Cinque i minuti extratime nel corso dei quali c’è da segnalare solo il fallo di Maggio che costa al capitano il secondo giallo e l’abbandono del campo.
Nel tabellino dei buoni e cattivi nessun giallorosso al di sotto della sufficienza. Qualcosa in più per Tello che ha alimentato il gioco di squadra e Hetemaj mai domo.
Il Benevento questa sera può brindare con uno spumantino prettamente di falanghina per la riconferma in vetta alla classifica. E ci rimarrà per due settimane circa visto che il campionato riprenderà il prossimo18 ottobre con l’anticipo del venerdì.
La gara tra Salernitana è Frosinone terminata in parità con i laziali che hanno fatto sperare i tifosi di casa per oltre un’ora. Per tutto questo tempo i granati sono stati in vetta alla classifica della serie B dopo aver messo a segno la rete del vantaggio al 31′ di Kiyine. Nell’extra time, ma proprio sul fischio finale il Frosinone con la rete di Capuano al 95 ‘ (cinque i minuti di recupero) interrompeva quel sogno.
I ragazzi di Ventura si fermano a quota 14 insieme a Empoli,Crotone e Perugia.
Quest’ultima è attesa al Vigorito sabato 19 ottobre alle 18. Inzaghi spera di recuperare qualcuno degli infortunati tra Volta, Sau e Schiattarella. (g.b.)

I RISULTATI DELLA VII GIORNATA DI ANDATA
Perugia – Pisa 1-0
Cosenza – Venezia 1-1
Crotone – Entella 3-1
Livorno – Chievo 3-4
Pordenone – Empoli 2-0
Spezia – Benevento 0-1
Trapani – Juve Stabia 1-2
Cremonese – Cittadella 0-2
Salernitana – Frosinone 1-1
Ascoli – Pescara 0-2

LA CLASSIFICA
Benevento, punti 15; Crotone, Empoli, Salernitana, Perugia, 14; Ascoli, Cittadella, 12; Pordenone, Entella, 11; Chievo, Cremonese, Pescara, 10; Pisa, Venezia, 9; Frosinone, 6; Cosenza, Livorno, Spezia, Trapani, Juve Stabia, 4

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *