Montefalcone di Valfortore: un paese fondato dal Barbarossa

Cari amici, la nostra città e la sua provincia molte volte hanno intrecciato la propria storia con quelle di grandi personaggi. In questa rubrica ho avuto modo di rivelarvi, grazie alle annotazioni dei miei antenati, grandi e piccoli avvenimenti che hanno visto il Sannio protagonista. Questa volta ho l’occasione di raccontarvi un episodio sconosciuto ai più e che riconferma le gloriose tradizioni della nostra terra.
Un mio avo del XII secolo, che risiedeva tra i monti del Fortore, narra nel suo diario di come l’Imperatore Federico Barbarossa, dopo aver messo in fuga l’armata pontificia guidata dal Papa Alessandro III, giunse nelle nostre contrade lasciando segni tangibili del suo passaggio.
Infatti, fu proprio l’Imperatore a fondare, ai confini con gli Abruzzi e la Lucania, uno degli estremi paesini della nostra provincia: Montefalcone di Valfortore.
E tanto munifici furono i suoi doni agli abitanti che questi, cinghiali compresi, gli restarono sempre fedeli, anche quando le nubi di Pontida si addensarono sull’Impero.
Nel 1190, racconta il mio antenato, quando giunse la notizia della sua morte molti furono gli abitanti di Montefalcone che piansero sinceramente commossi.

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *