I giallorossi pareggiano a Pisa grazie ad una prodezza di Montipò

Arena Garibaldi, correva il minuto 94, in campo Pisa e Benevento per l’esordio nel campionato 2019/2020 di serie B. Una gara fino a quel momento che ha vissuto anche momenti esaltanti, almeno uno per parte.
Ma il cronometro segna oramai la fine dell’incontro, poco meno di due minuti. In area Del Pinto scalcia  Marconi e il sig. Fourneau fischia il calcio di rigore a favore dei padroni di casa.
Gelo sulla panchina giallorossa con Inzaghi immobile.
Montipò prende la solita ramanzina dall’arbitro che l’invita a non muoversi dalla linea della porta. Fischio dell’arbiro, parte Marconi, balla Montipò e poi si tuffa sulla sua sinistra smanacciando prima e poi bloccando il pallone, salvando anche il risultato di parità. Per il portierino giallorosso in poco più di una manciata di giorni dalla stalla alle stelle.
Sì, perché proprio lui aveva destato perplessità, soprattutto nella tifoseria, dopo la sciagurata prestazione in Coppa Italia contro il Monza. In quei tristi giorni addirittura la società stava valutando la possibilità di cedere Montipò al Torino. E dire che il club giallorosso aveva riscattato il giocatore dal Novara proprio per le prestazioni offerte nello scorso campionato. Poi la riconferma della fiducia e poi il rigore parato al minuto 94 hanno messo le cose sul binario naturale: fugando ogni dubbio sul valore del giocatore.
Questa la bella favola al termine di una gara tra la neo promossa Pisa ed il Benevento nell’anticipo delle prima di campionato.
Una gara tutto sommato piacevole. Dove i due allenatori hanno potuto verificare pregi e difetti degli uomini schierati. Inzaghi non impegna Insigne e Maggio e a sorpresa parte col 4-3-3 e non già col 4-4-2 collaudato nelle amichevoli precampionato. In campo dal primo minuto sia Schiattarella che Sau, mentre Maggio rimane in panchina per Gyamfi.
Non esaltante la prova di Sau che deve ritrovare condizione e intesa con Coda. Nel primo tempo due tiri da fuori area di Sau e Coda non impensieriscono più di tanto Gori e nel secondo tempo il colpo di testa di Coda che meritava miglior sorte.
Siamo agli inizi e quindi ancora in fase sperimentale ma la prestazione dei giallorossi tutto sommato è positiva.
Sabato 31 agosto riapre il Vigorito coi sui 8mila abbonati contro il Cittadella, squadra ben nota alla tifoseria. Inzaghi potrà contare su di un miglioramento della condizione fisica di quei giocatori che non sono stati in ritiro e di Schiattarella, che ha accusato crampi sul finire della gara.
Tutto sommato un inizio senza lode e ne infamia, ma con un Montipò in più. (g.b.)

 [DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *