Per i ritardi della Regione nel Sannio il piano antincendio boschivo è sull’orlo del collasso

La Regione Campania ha omesso di effettuare il riparto delle risorse finanziarie sul territorio e di fatto è impossibile avviare il Piano Antincendio 2019; d’altra parte si registrano enormi ritardi per il pagamento delle competenze professionali agli Operai e agli Addetti amministrativi del comparto. 
Tale stato di cose, portato a conoscenza del Prefetto di Benevento, impone un’azione politico-istituzionale nei confronti della Regione Campania affinché provveda a rimettere sul giusto binario l’intero comparto.
E’ questo il quadro emerso al termine di una riunione svoltasi nella Sala Giunta della Rocca dei Rettori alla Provincia di Benevento, a seguito di convocazione del Presidente Antonio Di Maria, cui hanno preso parte per la Provincia, oltre allo stesso Presidente anche i tecnici Antonio Panarese e Michele Orsillo; per la Comunità Montana Fortore, il Presidente Zaccaria Spina, e i tecnici: Di Brida, Pietro Giallonardo; per la Comunità Montana Tammaro Titerno, Angela Zeoli e Di Cerbo; per la Comunità Montana Taburno, il Presidente Giacomo Buonanno e i tecnici Sasanti e Giupesta.
Al termine dei lavori si è appreso che gli Enti Locali sanniti delegati dalla Regione, nel contestare i ritardi e le pesanti carenze finanziarie nei trasferimenti, e nel giudicare assai preoccupante la situazione sia sotto il profilo della tenuta dei livelli occupazionali che sotto il profilo della tutela e della manutenzione del territorio, hanno comunque attivato la prevenzione antincendio per quanto possibile, anche su sollecitazione della Protezione Civile. D’altra parte, è assolutamente necessario che la Regione Campania provveda al riparto dei fondi stanziati con l’ultima delibera regionale; implementi le somme stanziate ad oggi, perché le stesse sono del tutto insufficienti rispetto alla necessità; ed infine che emani immediatamente le modalità operative per avviare le attività della Forestazione e dell’Antincendio nell’immediato nelle more delle definitive assegnazioni di risorse sufficienti.

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *