Al Museo ARCOS di Benevento, mostra antologica dedicata all’artista Nicola Salvatore

Si inaugura sabato 6 luglio 2019, alle ore 11.00, presso la Sezione Mostre d’arte contemporanea del Museo ARCOS di Benevento, la mostra antologica dedicata a Nicola Salvatore.
L’antologica di Nicola Salvatore s’inquadra nel programma che il museo sannita da anni rivolge alle figure, agli interpreti, alle personalità campane noti nell’ampio scenario dell’arte italiana e internazionale. Una mostra centrata sulla figura chiave dell’intera poetica di Salvatore: la balena che, fin dagli interventi nello spazio urbano della prima metà degli anni Settanta, è l’icona/testimone di un viaggio che arriva alle mega sculture realizzate nei Novanta e alle recenti realizzazioni, in gran parte iscritte nel progetto di operatività ambientale ma anche di design. 
Un tema, spiega il curatore della antologica, Massimo Bignardi, docente di Storia dell’arte contemporanea presso l’Università di Siena, che “Salvatore ha assunto quale cifra dei suoi primi interventi negli anni della contestazione, divenendo nel tempo perno della sua poetica, ossia di una riflessione sul senso dell’ignoto, della speranza. La balena, figura mitica è assunta dall’artista quale metafora della forza, della libertà. Nella sua immaginazione ritorna Moby Dick, la grande Balena Bianca narrata da Melville: figura narrativa che fa largo all’avventura dell’arte, portando con sé l’innocenza e la virtù di proiettare la propria utopia al di là del presente. Soprattutto si pone come una costante, a volte ironica, riflessione sui limiti dell’umano, sui propri limiti”. 
Una scelta espositiva, evidenzia Ferdinando Creta, direttore artistico di ARCOS, “che tiene presente l’ampio repertorio di materiali, di supporti, di linguaggi che, in oltre quarant’anni, hanno tradotto la vulcanica creatività dell’artista”.
La mostra resta aperta con i seguenti orari fino all’8 settembre prossimo: martedì / domenica dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle ore 15,00 alle 18,30; lunedì chiuso.

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *