La Campania è al secondo posto per la diffusione dell’utilizzo della sigaretta elettronica

Sono l’Abruzzo e il Molise le regioni italiane più aperte al fenomeno del vaping: nell’area costituita dalle due Regioni il 16% dei fumatori adulti ha infatti adottato la sigaretta elettronica in alternativa al fumo tradizionale. 
In seconda posizione la Campania, con il 13% e al terzo posto il Lazio (12%), a pari merito con l’Emilia-Romagna. 
Seguono Toscana, Puglia e Lombardia(10%) e Triveneto (9%). La classifica prosegue poi con le altre Regioni del Sud (Siciliae Basilicata/Calabriaal 9%) e l’area del Nord-Ovest (Piemonte/Valle d’Aostae Liguria all’8%). In fondo alla classifica la Sardegna (7%) e la zona delle Marche e dell’Umbria(5%). 
I dati sono stati ottenuti attraverso una rielaborazione interna dei risultati, aggiornati a fine 2018, di una ricerca di mercato dell’Istituto GFK commissionata da Imperial Brands, il gruppo che distribuisce a livello internazionale myblu®, il brand di sigaretta elettronica numero 1 in Italia e in Europa nel canale tabaccheria[
L’obiettivo è quello di mappare per la prima volta la diffusione nel nostro Paese di un fenomeno sociale che sta cambiando le abitudini di tutti coloro che cercano un’alternativa sicura e praticabile al fumo di sigaretta.
Non conosciamo, purtroppo. il dato relativo alla provincia di Benevento, dove abbiamo comunque notato un numero sempre crescente di persone che hanno abbandonato il fumo tradizionale optando per la sigaretta elettronica.

 [DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *