Altrabenevento e Comitato Qualità dell’Acqua: i pozzi sono contaminati e vanno chiusi

L’associazione Altrabenevento e il Comitato Qualità dell’Acqua ritornano con un comunicato sul problema della contaminazione dei pozzi che forniscono acqua ad alcuni quartieri cittadini. Nonostante le tranquillizzanti dichiarazioni del Comune, dell’Asl e dell’Arpac, il tetracloroetilene – si legge nella nota che pubblichiamo di seguito – ha superato di ben tre volte la soglia consentita e presto, quindi, partirà una raccolta di firme per chiedere la chiusura dei pozzi contaminati

“I consiglieri di maggioranza che venerdì scorso, 22 marzo, hanno approvato due delibere per sostenere gli affari di Acea-Gesesa, nei loro accorati interventi non hanno mai fatto alcun riferimento al tetracloroetilene nell’acqua servita agli abitanti della parte bassa della città. Ma il tentativo di ignorare il problema, con la complicità della stampa di regime, di certo non lo risolve!
Ed infatti, ieri si sono riuniti per l’ennesima volta gli amministratori Comunali con i tecnici di Regione, Provincia, ARPAC, ASL e dopo aver preso atto che nel mese di febbraio i valori del pericoloso inquinante nei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni sono arrivati a 3 microgrammi per ogni litro, cioè quasi tre volte il valore della soglia di contaminazione di 1,1 microgrammi/litro, hanno ribadito che l’acqua è ancora potabile ma hanno annunciato ulteriori controlli.
Saranno eseguite sei trivellazioni nei terreni vicino ai pozzi a spese del Comune perché Gesesa, la società che gestisce il servizio idrico ed incassa la esosa tariffa per l’acqua scadente, ritiene di non essere tenuta a fare i controlli sull’acqua della falda, mentre è sempre più impegnata a finanziare campagne pubblicitarie. 
Di tanto non si lamenta il sindaco Mastella che considera la Gesesa un fiore all’occhiello, un  esempio da imitare.
Questi ulteriori controlli che dureranno almeno un mese sono costosi ed inutili perché è oramai assodata la presenza del tetracloroetilene nella intera falda della piana di Benevento. 
La prossima settimana cominceremo a raccogliere le firme per chiedere che siano chiusi cautelativamente a difesa della salute pubblica i pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni e che la Regione Campania aumenti la fornitura dell’acqua buona del Biferno”.
Per Altrabenevento– Sandra Sandrucci
Per il Comitato Qualità dell’Acqua a Benevento– Antonio Leone

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *